Tv di Saddam, meglio bombardare che oscurare

28 aprile 2003
Federico Rampini
Fonte: "Affari e Finanza" di Repubblica - 28 Aprile 2003
Ad un panel di esperti tecnologici della California University-Long Beach è stata posta una domanda su un episodio della guerra: il bombardamento della sede della tv irachena. Vista l´immensa superiorità tecnologica degli americani e la loro padronanza dello spazio satellitare - è stato chiesto al panel - perché lo stato maggiore Usa per mettere il silenziatore alla propaganda ufficiale di Saddam non ha pensato semplicemente di "spegnere" il suo segnale satellitare? In effetti la tv irachena usava un normale satellite commerciale, di cui aveva affittato uno spazio per trasmettere i suoi programmi. Oscurarne il segnale alla fonte era a priori una soluzione ben più astuta, pulita e chirurgicamente precisa, rispetto al bombardamento del palazzo televisivo nel centro di Baghdad con gli immensi rischi di errori, "vittime collaterali", cioè stragi di civili innocenti.
La risposta del panel di esperti della California University-Long Beach è stata tutt´altro che banale. I generali americani ci avevano pensato eccome. Avevano sì preso in considerazione tutte le opzioni tecniche per togliere a Saddam lo strumento televisivo (di cui faceva un uso efficace per disinformare la popolazione, negando fino all´ultimo che le truppe Usa fossero in avanzata e ormai vicine alla capitale). In concreto erano state esaminate le due alternative praticabili. La prima consisteva nel jamming elettronico, la creazione di un´interferenza capace di sporcare irrimediabilmente il segnale inviato dal satellite commerciale rendendo di fatto inguardabili le trasmissioni di Saddam. Questa però aveva una controindicazione tecnico-politica. Il satellite in questione trasmette i segnali in "bundle", cioè per fasci, unendo varie televisioni sue clienti: insieme a quella irachena, dello stesso fascio di segnali fanno parte per prossimità geografica la tv di Stato saudita e quella kuwaitiana. Oscurando le immagini del nemico Saddam, gli americani avrebbero automaticamente oscurato anche le tv di Stato di due paesi alleati. Sarebbe stato un incidente molto sgradevole, tanto più che l´amministrazione Bush ha presentato questa guerra come l´occasione per esportare la democrazia nel mondo arabo. Censurando le tv saudita e kuwaitiana gli americani non avrebbero fatto una bella pubblicità al loro disegno di democratizzazione.
Restava l´altra opzione. Usando i poteri speciali a sua disposizione in stato di guerra, Bush poteva precettare il satellite commerciale americano affittato dall´Iraq e imporgli di cancellare i programmi della tv irachena dal segnale ritrasmesso a terra. Esiste tra l´altro un precedente che ha fatto giurisprudenza internazionale in questo campo: l´Unione europea chiese al satellite europeo Eutelsat di sospendere i programmi della tv di Stato serba quando Milosevic la usava come strumento di propaganda per la "pulizia etnica". (L´Unione europea aveva fondato il suo intervento sul divieto di incitamento al genocidio e ai crimini contro l´umanità). Ma Washington si è rifiutata di seguire questa strada. La spiegazione la dice lunga sui valori dell´amministrazione Bush. I consiglieri della Casa Bianca hanno sottolineato subito la gravità delle ripercussioni sul piano commerciale. Imporre per ragioni politiche a un satellite privato americano di oscurare un cliente straniero ha due conseguenze pressoché inevitabili: 1) quel cliente andrà a servirsi dalla concorrenza; per le trasmissioni tv ci sono infatti sul mercato molti satelliti alternativi, europei e di varie altre nazionalità, compreso un egiziano; 2) l´affidabilità delle imprese private americane sui mercati mondiali ne riceverà un duro colpo, se passa l´idea che esse possono stracciare i contratti su pressione del loro governo. Di fronte al rischio di ledere l´onorabilità commerciale e il business delle imprese Usa, l´amministrazione Bush non ha avuto esitazioni: meglio bombardare direttamente il palazzo della tv a Baghdad.

Articoli correlati

  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
  • Per far vincere le ragioni dei palestinesi occorre fermare i razzi contro Israele
    Palestina
    La nonviolenza è l'unica strada per far prevalere la ragione e l'umanità

    Per far vincere le ragioni dei palestinesi occorre fermare i razzi contro Israele

    Gravissime le perdite di civili inferte dall'aviazione israeliana, decine di bambini palestinesi massacrati. Ma per difendere i bambini palestinesi non servono azioni di ritorsione contro Israele. I razzi di Hamas sono assolutamente controproducenti e vanno fermati
    17 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • L'era digitale pretende un esercito digitale
    Disarmo
    USA

    L'era digitale pretende un esercito digitale

    Pubblicato il rapporto della commissione statunitense sull'uso dell'intelligenza artificiale in ambito militare
    3 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • In difesa dei nativi americani
    Pace
    Il movimento di opposizione all’Indian Removal Act

    In difesa dei nativi americani

    Jeremiah F. Evarts (1781–1831) era un missionario, riformatore e attivista cristiano per i diritti degli indiani d'America. Si distinse per la difesa dei diritti degli indiani d'America.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)