Referendum 17 aprile 2016

Mille passi per la democrazia

Per lui votare oggi è un gesto naturale, anche a 95 anni. Ci ha messo un'ora e tre quarti per partire da via Argentina e arrivare al suo seggio in via Medaglie d'Oro, scuola media Colombo di Taranto, e tornare indietro a casa sua.
17 aprile 2016

Al referendum del 17 aprile 2016

Quelli che vedete nella foto sono mio padre Luciano, nato nel 1921, e mia madre Fiorenza, nata nel 1928. 

Per mio padre che ha 95 anni non è stato facile oggi percorrere i mille piccoli passettini che doveva fare per giungere al seggio della scuola media Colombo. Ma ha rifiutato la macchina. "Oggi si va a piedi", ha detto. E, nonostante l'affanno, ce l'ha fatta. Splendidi i poliziotti al seggio che gli hanno offerto subito una poltroncina per riposarsi. La poliziotta lo ha baciato prima di andare via.

Per lui votare oggi è un gesto naturale. Ci ha messo un'ora e tre quarti per partire da via Argentina e arrivare al suo seggio in via Medaglie d'Oro, scuola media Colombo di Taranto, e tornare indietro a casa sua. Mille piccoli passi all'andata e mille piccoli passi al ritorno per votare al referendum. Una sosta tecnica all'andata e una al ritorno all'ombra di una tettoia verde, sulla panchina a riposarsi. E poi una lunga sosta al seggio a parlare con i poliziotti che gli hanno portato una poltroncina per sedersi. Una boccata d'aria e una di democrazia. 

Appena arrivato al seggio aveva un po' di fiatone. Ma non voleva essere portato in auto. Una questione di coerenza nel giorno in cui si vota sulle trivellazioni. Luciano Marescotti vota al referendum del 17 aprile 2016

Mio padre ha partecipato alla Resistenza nella brigata Garibaldi. Per salvarsi la vita ha dovuto nascondersi anche dentro una botola segreta quando arrivavano i tedeschi per fare i rastrellamenti.

Mai mi ha detto che non bisognava andare a votare. Dopo 20 anni di fascismo ha sempre considerato sacro il voto.

Ha fatto tutto il percorso aggrappandosi alla mia spalla e poggiandosi su quella di mia mamma.

Quando siamo tornati a casa ha detto: "Avete visto che ce l'abbiamo fatta anche senza la macchina?"

Oggi, 17 aprile 2016.


Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)