Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

La parola ai consulenti della difesa

Processo per i morti da inquinamento a Taranto: ex deputato dell'Ulivo nel collegio difensivo degli industriali

Ricomincia a Taranto il processo alla grande industria, difesa, fra gli altri, dall'ex deputato Rocco Maggi, già sottosegretario dell'Ulivo. I difensori della grande industria tarantina hanno un precedente "artistico" in Walter Scotti, già portavoce dei Verdi locali. Ma non è finita qui: per il suo centenario la CGIL si è fatta sponsorizzare dall'Ilva
10 ottobre 2006

A Taranto siamo assediati dalle notizie più strane che ci sbucano fra le pagine del giornale come se niente fosse.

Leggete qui.

"E’ ricominciato ieri mattina il processo alla grande industria. Ilva e Agip sono finite ancora una volta in Tribunale, questa volta per l’inquinamento ambientale. Hanno deposto i consulenti della difesa dell’Ilva e dell’Agip e l’udienza è stata aggiornata a lunedì prossimo. Nelle precedenti udienze, il procuratore aggiunto Franco Sebastio ha chiamato a deporre anche il consiglio di circoscrizione dei Tamburi (il quartiere maggiormente interessato all’emissione di polveri e fumi) ed esponenti istituzionali. Ieri, era presente in aula anche il collegio difensivo formato, fra gli altri, dagli avvocati Egidio Albanese, Cesare Mattesi e Rocco Maggi". (Corriere del Giorno 10/10/06)

Che c'è da notare?

Certo, è positivo che ritornino nell'aula degli imputati i grandi gruppi industriali che hanno inquinato Taranto.

Ma le cose interessanti per chi va a caccia di notizie si annidano nelle ultime righe, anzi nelle ultime due parole.

Chi è infatti Rocco Maggi?

Oggi apprendiamo che è nel collegio che difende la grande industria accusata di inquinamento ambientale. Ma in passato l'avv. Rocco Maggi è stato deputato locale dell'Ulivo e anche sottosegretario alla Giustizia. Si è occupato di ambiente presentando una brevissima interrogazione a proposito dell'inquinamento a Taranto. E sulle pagine web della Camera leggiamo la sua dichiarazione del 2 giugno 1999: "Poiché è evidente che campagne di stampa e varie associazioni ambientali evocano periodicamente presunte forme di inquinamento, è quanto mai opportuno che queste siano accertate in concreto e non solo presunte, con il rischio di creare un facile e suggestivo allarmismo".
Fonte: http://web.camera.it/_dati/leg13/lavori/stenografici/sed547/s280.htm

Quindi l'aumento del 100% dei morti per cancro a Taranto e i 1200 decessi per neoplasie nella provincia registrati dal bollettino epidemiologico ogni anno sono probabilmente... "suggestivo allarmismo".

Ma Rocco Maggi non è da solo.

In passato a Taranto il portavoce dei Verdi locali, Walter Scotti, divenne anch'egli difensore della grande industria. Ma, essendo pittore e non avvocato, si limitava a frasi come questa: "Oggi si fa ricadere su Riva la responsabilità di aver contribuito a far aumentare le neoplasie polmonari; non solo, ma tutte le disgrazie sono da attribuire all'azienda privata. Mi sembra strano che il gruppo Riva non sia ancora ritenuto l'unico responsabile del buco nell'ozono!"
E attaccava gli ecologisti firmandosi "portavoce dei Verdi" (qualche informazione è su http://lists.peacelink.it/taranto/msg00013.html).

Oggi Walter Scotti non è più portavoce dei Verdi, per fortuna. Ma si è spesso firmato "ex portavoce dei Verdi".

Tuttavia le notizie strane non finiscono qui: infatti per il suo centenario la CGIL si è fatta sponsorizzare dall'Ilva.

Lo abbiamo appreso quando siamo andati a Bari per la questione del rigassificatore "sgridando" l'assessore regionale rifondarolo all'ecologia Michele Losappio per aver accettato la sponsorizzazione della Gas Natural (che vorrebbe costruire a Taranto il rigassificatore) e dell'Ilva. Ma siamo stati "sgridati" anche noi. Infatti Losappio, dopo aver ascoltato con disappunto le nostre critiche, si è alzato con un foglio in mano e ha detto: "Vedete, anche la CGIL si fa sponsorizzare dall'Ilva!" E ha mostrato l'inserto regionale della Repubblica del 16 settembre 2006, pagina VIII, in cui la "Cantata dei cent'anni" della CGIL a Bari (musica di Nicola Piovani e versi di Vincenzo Cerami) era sponsorizzata da Alenia Aeronautica, Fincantieri, Finmeccanica e Ilva. Lo schieramento d'attacco dell'industria pacifista italiana e la più ecosostenibile delle aziende in loco. Gulp, che piacevole sorpresa!

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)