Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«Domani la firma dell'accordo di programma»

Domani la firma dell'Accordo di Programma tra Ministero dell’Ambiente, Regione Puglia, Enti Locali e le principali aziende presenti nell’area industriale di Taranto finalizzato alla valutazione unitaria per il rilascio dell’AIA.
10 aprile 2008
AGI - Agenzia Giornalistica Italia

AREA INDUSTRIALE TARANTO: DOMANI FIRMA ACCORDO DI PROGRAMMA

(AGI) - Bari, 10 apr. - Un Accordo di Programma tra Ministero dell’Ambiente, Regione Puglia, Enti Locali e le principali aziende presenti nell’area industriale di Taranto finalizzato alla valutazione unitaria per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) verra’ firmato venerdi’ 11 aprile alle 11 presso l’ex sala Giunta della Regione Puglia, in via Capruzzi. A porre la firma al documento saranno il Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraio Scanio, il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, il presidente della Provincia di Taranto Giovanni Florido, il sindaco di Taranto Ippazio Stefano, il sindaco di Statte Angelo Miccoli e i delegati delle aziende interessate, insieme ad ARPA e APAT.

L’Accordo ha come obiettivo quello di assicurare il coordinamento tra le attivita’ dello Stato e della Regione per il rilascio delle AIA relative agli impianti nella zona industriale di Taranto e Statte, supportando le autorita’ competenti attraverso metodologie e strumenti coordinati, ivi compresi tutti i dati storici conoscitivi del territorio e dell’ambiente, al fine di condividerli. L’Accordo prevede inoltre la costituzione di un Comitato di Coordinamento, presso il Ministero dell’Ambiente, che svolgera’ attivita’ di supporto tecnico per le autorita’ competenti in materia di AIA. (AGI)

DIOSSINA IN LATTE MATERNO A TARANTO, DATI DA CITTA’ INDUSTRIALE

AGI (AGI) - Bari, 10 apr. -Inoltre, si precisa sempre nella nota dell’Assessorato regionale alla Salute e dell’Arpa, valori di PCB diossinosimili riscontrati nel campione tarantino, pari a 20,9 pg WHO-TEQ/g grasso, anche se elevati, rientrano nel range dei valori nella popolazione italiana, come evidenziato dallo studio dell’OMS citato da cui si evidenzia che l’Italia si attesta intorno a livelli medi di 16 pg WHO-TEQ/g grasso (range 11-19 pg WHO-TEQ/g grasso).

La dose giornaliera nei lattanti, date le concentrazioni misurate nel latte materno, e’ effettivamente circa 20-30 volte superiore alla dose giornaliera tollerabile come dall’Organizzazione Mondiale della Sanita’ (pari a 1-4 pg TEQ/Kg peso corporeo/d). Occorre tuttavia precisare, si sottolinea nella nota dell’ che la stessa Organizzazione Mondiale della Sanita’ sconsiglia di confrontare l’assunzione giornaliera del lattante con la dose giornaliera tollerabile, dato che questo parametro fa riferimento al carico corporeo corrispondente all’assunzione di diossine per tutta la vita, per cui la stessa Oranizzazione mondiale della Sanita’ ha espresso parere risolutamente contrario alla cessazione dell’allattamento al seno.

Va inoltre sottolineato che questi livelli stimati di assunzione giornaliera di diossine e PCB diossinosimili nel lattante non sono affatto caratteristici di Taranto, ma rappresentano i valori che si riscontrano in tutta l’Europa e, in particolar modo, nelle aree urbane. In conclusione, l’Assessorato regionale alle politiche della Salute - con la collaborazione delle strutture della ASL di Taranto e di ARPA Puglia che, a partire dal primo maggio prossimo, potra’ avvalersi anche della piena operativita’ del laboratorio del Dipartimento dell’ARPA di Taranto - continuera’ il monitoraggio di diossine e PCB nelle matrici ambientali e alimentari. Sara’ cura del Tavolo tecnico regionale definire gli ulteriori provvedimenti ai fini della tutela della salute dei cittadini di Taranto. (AGI)

Articoli correlati

  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia
    Ecologia
    Il Rapporto ONU sull'inquinamento in Italia

    Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia

    Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite ha visitato l'Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021. Il Rapporto tocca Porto Marghera, l'inquinamento da PFAS in Veneto, la terra dei Fuochi, l'ILVA di Taranto, Livorno, i pesticidi, i rifiuti e altro ancora.
    14 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)