Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Controllo dell'aria

L'Ilva dice no al monitoraggio del benzo(a)pirene accettato da Eni e Cementir

Cosa (Sds): dal gruppo Riva un atteggiamento arrogante
13 settembre 2010
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno 13/9/2010

Nuova campagna di monitoraggio dell’aria, ma non per tutti. L’accordo siglato da Regione Puglia e Arpa esclude l’Ilva, che non ha aderito all’intesa come Eni e Cementir per le note vicende giudiziarie. La cosa ha suscitato anche reazioni polemiche di natura politica. Ma andiamo per ordine. Una foto dell'Ilva



Il no dell’Ilva è aspetto essenziale della vicenda che prende le mosse dall’allar me sulle emissioni di benzoapirene, qualche mese fa. L’Arpa certifica sforamenti per il 2009 e (addirittura in misura maggiore a 1,3 nanogrammi per metro cubo d’aria) nei primi mesi del 2010; insorgono gli ambientalisti, l’Ilva si difende, il sindaco Ezio Stefàno chiede con un’ordinanza light al Gruppo Riva di presentare misure per ridurre le emissioni della pericolosa sostanza inquinante. Alla fine l’Ilva fa ricorso contro l’ordinanza e si finisce davanti al Tar.

Il Tribunale amministrativo regionale ha deciso, pochi giorni fa, di rimandare ogni decisione - c’è anche un ricorso del comitato referendario «Taranto futura» che si oppone all’azione del Gruppo Riva - a fine mese. La data del 29 settembre, alla luce dell’accordo tra Arpa e Regione sul monitoraggio, dal quale è sclusa l’Ilva ma sono incluse Eni e Cementir, mostra quanta strada ancora sia da fare. Certo, molto dipenderà dalla decisione del Tar. Accogliere il ricorso Ilva finirebbe per condizionare tutto il cammino della vicenda

benzoapirene. Respingerlo, forse, ridarebbe fiato alle «colombe», che si contrappongono ai «falchi» dentro lo stabilimento siderurgico e, fin dallo scorso giugno, quando il sindaco emanò l’ordinanza, in dicarono la strada del dialogo e del confronto come l’unica percorribile.

«Esprimo immensa soddisfazione, in merito alla convenzione sottoscritta tra Regione Puglia ed Arpa Puglia, relativa al monitoraggio in continuo che permetterà, finalmente, di individuare i diversi inquinanti emessi dal complesso industriale della nostra città». Chi parla è il consigliere comunale Francesco Cosa di Sds che riserva all’Ilva critiche per la mancata scelta di «collaborare».

«Il monitoraggio - dice Cosa - rappresenta dopo il varo della legge antidiossina un’altra vittoria verso una vera eco-compatibilità che cambia non solo il corso della storia a Taranto, ma si pone in netta controtendenza con la politica del passato e so prattutto, tale monitoraggio sarà capace di inchiodare i singoli stabilimenti Eni, Cementir ed Ilva alle proprie responsabilità. Tale convenzione rappresenta un'altra scelta forte del governo Vendola, voluta anche e soprattutto dall’Ammini - strazione comunale di Taranto attraverso il sindaco Stefàno. Sono palesi oramai e sono sotto gli occhi di tutti, gli ottimi risultati che di concerto Comune e Regione Puglia stanno portando a casa, attraverso una politica sensata che ha cambiato totalmente il rapporto con la grande industria e che mette al centro la salute dei cittadini tarantini, rispetto ad una politica passata dove gli interessi privati erano sempre privilegiati rispetto agli interessi che ogni pubblica amministrazione dovrebbe tutelare e cioè il bene della comunità. Mentre Eni e Cementir hanno collaborato alla realizzazione della convenzione tra Regione ed Arpa, appare alquanto irritante ed arrogante l’atte ggiamento non collaborativo dell’Ilva - conclude Cosa - che nonostante sia la prima in assoluto ad inquinare la nostra città, ha ormai abbandonato qualsivoglia atteggiamento di confronto con gli Enti locali».

Articoli correlati

  • “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”
    Taranto Sociale
    Manifestazione "Stop al sacrificio di Taranto" del 22 maggio 2022

    “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”

    Io la malattia la vivo nel mio corpo, in lotta da un anno contro la leucemia. Noi abbiamo un potere, abbiamo la possibilità di sovvertire quest’ordine di ingiustizie. Non aspettiamo che siano gli altri a trovare la soluzione per noi, la soluzione siamo noi
    23 maggio 2022 - Celeste Fortunato
  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)