Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Controllo dell'aria

L'Ilva dice no al monitoraggio del benzo(a)pirene accettato da Eni e Cementir

Cosa (Sds): dal gruppo Riva un atteggiamento arrogante
13 settembre 2010
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno 13/9/2010

Nuova campagna di monitoraggio dell’aria, ma non per tutti. L’accordo siglato da Regione Puglia e Arpa esclude l’Ilva, che non ha aderito all’intesa come Eni e Cementir per le note vicende giudiziarie. La cosa ha suscitato anche reazioni polemiche di natura politica. Ma andiamo per ordine. Una foto dell'Ilva



Il no dell’Ilva è aspetto essenziale della vicenda che prende le mosse dall’allar me sulle emissioni di benzoapirene, qualche mese fa. L’Arpa certifica sforamenti per il 2009 e (addirittura in misura maggiore a 1,3 nanogrammi per metro cubo d’aria) nei primi mesi del 2010; insorgono gli ambientalisti, l’Ilva si difende, il sindaco Ezio Stefàno chiede con un’ordinanza light al Gruppo Riva di presentare misure per ridurre le emissioni della pericolosa sostanza inquinante. Alla fine l’Ilva fa ricorso contro l’ordinanza e si finisce davanti al Tar.

Il Tribunale amministrativo regionale ha deciso, pochi giorni fa, di rimandare ogni decisione - c’è anche un ricorso del comitato referendario «Taranto futura» che si oppone all’azione del Gruppo Riva - a fine mese. La data del 29 settembre, alla luce dell’accordo tra Arpa e Regione sul monitoraggio, dal quale è sclusa l’Ilva ma sono incluse Eni e Cementir, mostra quanta strada ancora sia da fare. Certo, molto dipenderà dalla decisione del Tar. Accogliere il ricorso Ilva finirebbe per condizionare tutto il cammino della vicenda

benzoapirene. Respingerlo, forse, ridarebbe fiato alle «colombe», che si contrappongono ai «falchi» dentro lo stabilimento siderurgico e, fin dallo scorso giugno, quando il sindaco emanò l’ordinanza, in dicarono la strada del dialogo e del confronto come l’unica percorribile.

«Esprimo immensa soddisfazione, in merito alla convenzione sottoscritta tra Regione Puglia ed Arpa Puglia, relativa al monitoraggio in continuo che permetterà, finalmente, di individuare i diversi inquinanti emessi dal complesso industriale della nostra città». Chi parla è il consigliere comunale Francesco Cosa di Sds che riserva all’Ilva critiche per la mancata scelta di «collaborare».

«Il monitoraggio - dice Cosa - rappresenta dopo il varo della legge antidiossina un’altra vittoria verso una vera eco-compatibilità che cambia non solo il corso della storia a Taranto, ma si pone in netta controtendenza con la politica del passato e so prattutto, tale monitoraggio sarà capace di inchiodare i singoli stabilimenti Eni, Cementir ed Ilva alle proprie responsabilità. Tale convenzione rappresenta un'altra scelta forte del governo Vendola, voluta anche e soprattutto dall’Ammini - strazione comunale di Taranto attraverso il sindaco Stefàno. Sono palesi oramai e sono sotto gli occhi di tutti, gli ottimi risultati che di concerto Comune e Regione Puglia stanno portando a casa, attraverso una politica sensata che ha cambiato totalmente il rapporto con la grande industria e che mette al centro la salute dei cittadini tarantini, rispetto ad una politica passata dove gli interessi privati erano sempre privilegiati rispetto agli interessi che ogni pubblica amministrazione dovrebbe tutelare e cioè il bene della comunità. Mentre Eni e Cementir hanno collaborato alla realizzazione della convenzione tra Regione ed Arpa, appare alquanto irritante ed arrogante l’atte ggiamento non collaborativo dell’Ilva - conclude Cosa - che nonostante sia la prima in assoluto ad inquinare la nostra città, ha ormai abbandonato qualsivoglia atteggiamento di confronto con gli Enti locali».

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)