Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Donne per Taranto: la vita Unico Bene supremo e improcrastinabile

Noi "Donne per Taranto" ci poniamo nella posizione di chi attende con fiducia e speranza le risposte di una Magistratura che fino ad oggi ha compiuto un atto di Giustizia e di Verità per ognuno di noi
1 agosto 2012
Comitato Donne per Taranto

Ci sono momenti nella Vita di ognuno in cui non è possibile non fare delle scelte, in cui non si può più rimandare decisioni da prendere. Il futuro di Taranto lo scegliamo noi

Questo è il momento storico che stiamo vivendo in questa Terra martoriata, usata e abusata.

Un momento che vede la città spaccata tra la rivendicazione di 2 diritti sacrosanti e fondamentali: la Salute e il Lavoro. Quanto sta accadendo, strategicamente studiato, è il segno di una Politica che ha fallito in questi anni, una politica che ha voluto sempre rimandare il problema e non ha mai voluto affrontare con lucidità una situazione che da anni si sta denunciando e da anni ci sta uccidendo. La strategia messa in atto in questi anni è stata vergognosa!

Solo chi ha interesse a fare in modo che persista lo status-quo, nonostante questo crei malattia, morte e distruzione dell’economia locale, punta il dito su chi denuncia più che su chi ci  uccide.

Le perizie che ora attestano, nero su bianco, che l’ilva “genera malattie e morte” non possono domani farci trovare nello stessa situazione di oggi. La nostra storia sta cambiando, questo è un dato di fatto. Così come è un dato di fatto che quell’Industria altamente inquinante non può continuare a persistere sul nostro Territorio. La “favoletta” dell’ambientalizzazione e della “eco-compatibilità” è stata solo una favoletta crudele, raccontata persino ai bambini, che ha portato in questi anni la nostra Città a questo capolinea senza aver  trovato alternative e senza aver lavorato per richiedere i danni a chi “con coscienza e volontà” (come si legge nell’ordinanza del Gip Patrizia Todisco) non ha mai salvaguardato la salute (degli operai e dei cittadini) .

E’ compito ora della Politica , fare un passo indietro, con coraggio e anche con umiltà, riconoscere che le azioni intraprese fino ad oggi hanno semplicemente continuato a donare a questa Terra malattia, morti e distruzione della nostre radici. E’ compito della Politica, fare ciò che fino ad oggi non ha fatto: trovare le alternative e trovare soluzioni atte a tutelare quegli operai prime vittime di un sistema malato. Ma tutelare non significa far persistere L’ilva a Taranto, perché Prima tutela è la Salute!


Noi "Donne per Taranto" ci poniamo nella posizione di chi attende con fiducia e speranza le risposte di una Magistratura che fino ad oggi ha compiuto un atto di Giustizia e di Verità per ognuno di  noi.

Massima fiducia e solidarietà al Gip Patrizia Todisco e a tutti i periti e i giudici di Taranto che, tralasciando pressioni che vengono da ogni parte, compiranno fino in fondo il loro dovere a tutela dell’Unico Bene supremo e improcratinabile che è la VITA.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Condannato a 17 anni in primo grado è candidato alle elezioni comunali come capolista del PD
    Ecologia
    Nel processo "Ambiente Svenduto" sull'inquinamento ILVA

    Condannato a 17 anni in primo grado è candidato alle elezioni comunali come capolista del PD

    Trecento cittadine e cittadini scrivono a Enrico Letta perché prenda una posizione: "Abbiamo appreso dalla stampa che una delle persone condannata in primo grado a 17 anni viene adesso candidata per il PD in elezioni comunali che si svolgeranno in provincia di Taranto".
    12 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa
    Ecologia
    Reportage

    Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa

    Si è appena concluso il maxi-processo Ambiente Svenduto, di tale rilevanza storica che prima o poi verrà riconosciuta al pari dei maxi-processi palermitani contro la mafia. Incontro così una Taranto ferita, aqquartierata tra i suoi due mari, fra la polvere color ruggine del rione Tamburi.
    Gad Lerner
  • Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza
    Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)