Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

C'è una città? Ci sono i cittadini?

Noi metteremo fuori dal nostro balcone un lenzuolo bianco
Il nostro sogno sarebbe quello di una città che si vestisse di bianco in questi giorni in cui si decide il suo destino.Non è il bianco che ricopre il sepolcro putrido di biblica memoria.E' la voglia di giustizia e di speranza nel futuro!
1 agosto 2012
Comitato per Taranto

 


Nel delirio di manifestazioni imposte dai sindacati nazionali e fiaccolate religiose, tra presìdi e occupazioni di strade, sembra che la maggioranza dei cittadini di Taranto sia scomparsa. Sembrerebbe che siano andati tutti in vacanza e che abbiano abbandonato la città come set cinematografico buono per terrorizzare psicologicamente l'opinione pubblica nazionale. foto di Taranto
 
In viaggio per l'Italia, nei giorni scorsi, abbiamo sondato l'opinione pubblica nazionale per capire cosa è passato oltre provincia del "caso Taranto".
In un momento di crisi generale ha fatto breccia il terrorismo psicologico della frase "sequestro degli impianti", dichiarato come già operativo dai media e associato alla chiusura definitiva, all'incubo della fine della produzione nazionale di acciaio, alla messa in strada di 15-20 mila operai...
Scenari da apocalisse che nelle parole dei commentatori e dei copincollisti dei comunicati nazionali, con più o meno giri di parole, trovano un'unica ragione. Quella di sempre. Quella che dai tempi di Craxi sembra l'uscita di emergenza da ogni vergogna pubblica: è colpa della magistratura!
 
"Le procure vogliono prendere il posto della politica e dei sindacati" dicono alcuni, altri delineano con disprezzo perfino il profilo dei magistrati che si sono permessi di tagliare il cordone ombelicale di connivenza, corruzione, sfacelo, spreco di denaro pubblico per il profitto privato, disastro ecologico e anche economico...
Ma che si sono messi in testa? Di applicare la legge? In Italia???
Perché questa violenza mediatica? Perché evidentemente fa paura ai tutori del sistema che, in tutti questi anni, le "cavie" di Taranto, invece di accontentarsi delle caramelline elemosinate da Regione, Stato, ASL, ARPA, sindacati e padroni (leggi inapplicate, studi segretati, procedure inceppate, scioperi a salve), le cavie di Taranto hanno rosicchiato le gabbie poco a poco fino a creare una rivoluzione di portata europea!
 
Dalla piccola voce di questo blog di un comitato che ha partecipato attivamente agli ultimi 5 anni di  vita della città vogliamo far rimbalzare il più lontano possibile le ragioni di tutti, la realtà delle cose.
Qui si è prodotta tanta ricchezza per anni. La gran parte di questa ricchezza ha incrementato il PIL nazionale. Qui si è salvata l'industria siderurgica nazionale mentre per le stesse ragioni di salute e obsolescenza si chiudevano Genova e Bagnoli. Qui si è tenuto il passo (produttivo) con il resto d'Europa. Qui però, come sempre, i soldi sono stati sprecati, le prescrizioni ignorate, la salute è stata messa in ultimo piano e, per la logica di massimizzazione del profitto privato, nessun investimento lungimirante è stato fatto per stare al passo non solo produttivo ma anche tecnologico con gli altri paesi industrializzati.
 
Tutti sapevano. Ma questo meccanismo all'italiana trasposto su una scala di mercato da diversi miliardi di euro è diventato una macchina incontrollabile: nessuno degli ingranaggi ha mai il coraggio di reagire.
L'iniziativa è partita dai cittadini.
Dalla gente stanca, e non è retorica, di accompagnare malati e di sentirsi prendere in giro da promesse di turismo e sviluppo quando la realtà è quella di miasmi putridi di fabbrica e polveri piene di sostanze mortali. Nessuna alternativa all'industria pesante da cinquant'anni!
E' stata una forza crescente, fatta di piccoli progressi, di voglia di comunicare e di ascoltare.
E' nata una coscienza civica e il frutto di tante piccole battaglie combattute con le clave contro i sottomarini nucleari dei poteri multinazionali. E' stato il riconoscimento, garantito dalla Costituzione, dalla Legge, del diritto di essere tutelati. Tutelati, con pari diritto, nel lavoro, nel territorio, nella salute, nei servizi. 
Insomma, le cavie nazionali hanno alzato la testa e si sono rifiutate di farsi inoculare veleni per arricchire tutti tranne loro!
E hanno avuto la fortuna di incontrare giudici motivati e rigorosi, periti sinceri e incorruttibili, gente coraggiosa che ha svolto il proprio lavoro con onestà tra mille condizionamenti.
 
Ora queste piccole cavie sono state tramortite dall'onda scagliata dal sistema che attua tutte le contromisure possibili per annegare con violenza questa rivolta di civiltà.
E le piccole cavie rivelano tutta la loro debolezza. Hanno paura, sono divise, sconcertate, spavetate.
Sono sparite le grandi sigle che incoraggiavano a scendere in piazza e l'opinione si è frammentata in una serie di rivoli sempre più piccoli, fino ad essere assorbita dalla terra arsa, tra gli schiamazzi tronfi dello Stato, dell'Industria pesante, di sua maestà lo Spread.
E' normale avere paura quando la Storia dello Stato passa sotto casa tua e travolge chi incontra.
Ma il nostro ruolo, non per leadership, ma solo per l'esperienza e la coscienza della strada intrapresa anni fa, è quello di continuare a dare l'esempio. A restare aperti a tutti per cercare di restare sereni e decisi.
 
Il Comitato per Taranto continuerà a fare pressione sulle associazioni per ritrovare unità e forza.
Non si può bruciare così il lavoro di oltre dieci anni.
Intanto un piccolo segno vogliamo darlo anche noi. Senza costringere nessuno a risse, lotte ed estenuanti manifestazioni agostane tra urla stimolate ad arte per coprire ogni voce pacata e riflessiva.
 
Vi invitiamo ad essere cittadini, ad essere Città.
 
Noi metteremo fuori dal nostro balcone un lenzuolo bianco. 
 
Il nostro sogno sarebbe quello di una città che si vestisse di bianco in questi giorni in cui si decide il suo destino.
Non è il bianco che ricopre il sepolcro putrido di biblica memoria.
E' la voglia di giustizia e di speranza nel futuro!
 
 

 

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Condannato a 17 anni in primo grado è candidato alle elezioni comunali come capolista del PD
    Ecologia
    Nel processo "Ambiente Svenduto" sull'inquinamento ILVA

    Condannato a 17 anni in primo grado è candidato alle elezioni comunali come capolista del PD

    Trecento cittadine e cittadini scrivono a Enrico Letta perché prenda una posizione: "Abbiamo appreso dalla stampa che una delle persone condannata in primo grado a 17 anni viene adesso candidata per il PD in elezioni comunali che si svolgeranno in provincia di Taranto".
    12 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa
    Ecologia
    Reportage

    Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa

    Si è appena concluso il maxi-processo Ambiente Svenduto, di tale rilevanza storica che prima o poi verrà riconosciuta al pari dei maxi-processi palermitani contro la mafia. Incontro così una Taranto ferita, aqquartierata tra i suoi due mari, fra la polvere color ruggine del rione Tamburi.
    Gad Lerner
  • Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza
    Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)