evento

Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino

5 ottobre 2019
Centro Studi Sereno Regis, PeaceLink, Disarmisti Esigenti:

Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino

La nonviolenza è il filo conduttore sia per il caso Ilva di Taranto sia per il modello Riace: razzismo ambientale, razzismo verso i migranti

In qualità di rappresentanti della storica associazione ecopacifista Peacelink - Telematica per la Pace e Disarmisti Esigenti, entrambi membri della rete ICAN, Premio Nobel per la pace 2017 per il disarmo nucleare universale, proponiamo, in occasione della Giornata Internazionale della Nonviolenza, presso il Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile che si svolgerà a Torino, organizzato e promosso dal Centro Studi Sereno Regis, venerdì 4 Ottobre 2019, un video sulla tragica situazione ecologica e sanitaria in cui imperversa la città di Taranto. Il video sull'inquinamento a Taranto verrà fornito dal Professor Alessandro Marescotti, Presidente di PeaceLink e verrà introdotto da Beatrice Ruscio - Redazione PeaceLink e autrice del libro Legami di ferro.

Inoltre sabato 5 Ottobre 2019 Vittorio Agnoletto, Fabrizio Cracolici, Alfonso Navarra, Laura Tussi proporranno la presentazione del libro Riace, Musica per l'Umanità (che uscirà a ottobre 2019 in tutte le librerie, per i tipi della MIMESIS), di cui scriviamo, di seguito l'indice:

 

Riace, Musica per l'Umanità, Mimesis Edizioni

di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici

Copertina: Mauro Biani

 

Illustrazioni: Giulio Peranzoni

Il diritto a emigrare è antico come la storia dell'umanità - Introduzione: Vittorio Agnoletto

Per un'Utopia possibile - Alex Zanotelli

Lettera alla nostra comune Umanità - di Fabrizio Cracolici e Laura Tussi

Siamo tutti Premi Nobel per la Pace con ICAN - di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici

 

Contributi:

Adelmo Cervi - La Costituzione dell’Umanita’ proclama il diritto alla liberta’ di movimento

Alessandro Marescotti ­­- Al razzismo e all’intolleranza noi rispondiamo NO

Moni Ovadia - Mentsch

 

Gianmarco Pisa - A partire da Riace: una riflessione su educazione, lavoro, intercultura

Intervista a Mimmo Lucano

Dialoghi con Mimmo Lucano

Una splendida Utopia - Mimmo Lucano

 

Interviste:

Per un Nuovo Umanesimo - Marino Severini, Gang

La Memoria verso il futuro - Daniele Biacchessi

Un senso al "Fare Musica" - Gianfranco D'Adda con Renato Franchi & Orchestrina del Suonatore Jones

La pace passa dal quaderno pentagrammato - Agnese Ginocchio, Testimonial di Pace

Il nuovo umanesimo è la nonviolenza efficace - Conclusioni: Alfonso Navarra

 

 

Per la presentazione di questo libro saremo accompagnati da musica e note di impegno civile di Renato Franchi, musicista, cantautore, direttore artistico, allievo e epigono di Fabrizio De André.

 

La nonviolenza è il filo conduttore sia per il caso Ilva sia per la vicenda giudiziaria di Riace con Mimmo Lucano: razzismo ambientale, razzismo verso i migranti.

 

L'impostazione della nostra iniziativa di ottobre sulla nonviolenza è centrata sul ruolo della nonviolenza nelle varie lotte sociali.

PeaceLink sta portando avanti diverse azioni in Italia, tutte accomunate da un filo conduttore: la nonviolenza.

La nonviolenza è spesso associata alla strategia contro una guerra, ma in modo particolare nei conflitti ambientali si rivela la strategia vincente. Anche nella strategia per portare avanti la disobbedienza civile nei confronti di leggi governative ingiuste. La nonviolenza va coniugata con la cittadinanza attiva e con la formazione scolastica (Cittadinanza e Costituzione) in modo da ancorare ogni azione ai valori non puramente soggettivi, ma agli ideali storici e ai principi della Costituzione.

 

Un contributo specifico verrà fornito inoltre da Alfonso Navarra dei Disarmisti Esigenti (DE), testimone diretto delle conferenze ONU che hanno portato agli accordi di Parigi sul clima globale e al Trattato di proibizione delle armi nucleari, partner di PeaceLink anche nella Rete ICAN, premio Nobel per la pace 2017. Disarmisti Esigenti che si riconoscono nella definizione di "nonviolenza efficace" su cui insiste Papa Francesco: i progressi nel diritto internazionale. Bisogna in questo senso lavorare sul "diritto alla pace" riconosciuto dall'ONU e approfondirlo e attualizzarlo nei suoi pilastri con quelle campagne internazionali che lo facciano marciare sulle gambe dei movimenti nonviolenti per il disarmo nucleare e il disarmo in genere, per la giustizia climatica e ecologica, per la giustizia sociale, per i diritti umani fondamentali. In questo momento storico da parte dei Disarmisti Esigenti e dei suoi partner si ritiene di importanza decisiva dialogare con il movimento giovanile globale dei Fridays For Future, espressione di un nuovo '68 ecologista nonviolento che chiama tutti in tutto il mondo alla resistenza "partigiana" contro le lobby della crescita accumulatoria senza freni (responsabile dell'effetto serra di origine antropica) e contro le minacce che incombono sulla sopravvivenza stessa dell'Umanità.  

La Redazione di PeaceLink e l'associazione Disarmisti Esigenti ringraziano il Centro Studi Sereno Regis di Torino e gli altri partners per la collaborazione e il coinvolgimento in questa importantissima iniziativa: il Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile di Torino.

Per maggiori informazioni:
Angela Dogliotti Marasso
Vedi anche:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)