evento

Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino

5 ottobre 2019
Centro Studi Sereno Regis, PeaceLink, Disarmisti Esigenti:

Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino

La nonviolenza è il filo conduttore sia per il caso Ilva di Taranto sia per il modello Riace: razzismo ambientale, razzismo verso i migranti

In qualità di rappresentanti della storica associazione ecopacifista Peacelink - Telematica per la Pace e Disarmisti Esigenti, entrambi membri della rete ICAN, Premio Nobel per la pace 2017 per il disarmo nucleare universale, proponiamo, in occasione della Giornata Internazionale della Nonviolenza, presso il Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile che si svolgerà a Torino, organizzato e promosso dal Centro Studi Sereno Regis, venerdì 4 Ottobre 2019, un video sulla tragica situazione ecologica e sanitaria in cui imperversa la città di Taranto. Il video sull'inquinamento a Taranto verrà fornito dal Professor Alessandro Marescotti, Presidente di PeaceLink e verrà introdotto da Beatrice Ruscio - Redazione PeaceLink e autrice del libro Legami di ferro.

Inoltre sabato 5 Ottobre 2019 Vittorio Agnoletto, Fabrizio Cracolici, Alfonso Navarra, Laura Tussi proporranno la presentazione del libro Riace, Musica per l'Umanità (che uscirà a ottobre 2019 in tutte le librerie, per i tipi della MIMESIS), di cui scriviamo, di seguito l'indice:

 

Riace, Musica per l'Umanità, Mimesis Edizioni

di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici

Copertina: Mauro Biani

 

Illustrazioni: Giulio Peranzoni

Il diritto a emigrare è antico come la storia dell'umanità - Introduzione: Vittorio Agnoletto

Per un'Utopia possibile - Alex Zanotelli

Lettera alla nostra comune Umanità - di Fabrizio Cracolici e Laura Tussi

Siamo tutti Premi Nobel per la Pace con ICAN - di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici

 

Contributi:

Adelmo Cervi - La Costituzione dell’Umanita’ proclama il diritto alla liberta’ di movimento

Alessandro Marescotti ­­- Al razzismo e all’intolleranza noi rispondiamo NO

Moni Ovadia - Mentsch

 

Gianmarco Pisa - A partire da Riace: una riflessione su educazione, lavoro, intercultura

Intervista a Mimmo Lucano

Dialoghi con Mimmo Lucano

Una splendida Utopia - Mimmo Lucano

 

Interviste:

Per un Nuovo Umanesimo - Marino Severini, Gang

La Memoria verso il futuro - Daniele Biacchessi

Un senso al "Fare Musica" - Gianfranco D'Adda con Renato Franchi & Orchestrina del Suonatore Jones

La pace passa dal quaderno pentagrammato - Agnese Ginocchio, Testimonial di Pace

Il nuovo umanesimo è la nonviolenza efficace - Conclusioni: Alfonso Navarra

 

 

Per la presentazione di questo libro saremo accompagnati da musica e note di impegno civile di Renato Franchi, musicista, cantautore, direttore artistico, allievo e epigono di Fabrizio De André.

 

La nonviolenza è il filo conduttore sia per il caso Ilva sia per la vicenda giudiziaria di Riace con Mimmo Lucano: razzismo ambientale, razzismo verso i migranti.

 

L'impostazione della nostra iniziativa di ottobre sulla nonviolenza è centrata sul ruolo della nonviolenza nelle varie lotte sociali.

PeaceLink sta portando avanti diverse azioni in Italia, tutte accomunate da un filo conduttore: la nonviolenza.

La nonviolenza è spesso associata alla strategia contro una guerra, ma in modo particolare nei conflitti ambientali si rivela la strategia vincente. Anche nella strategia per portare avanti la disobbedienza civile nei confronti di leggi governative ingiuste. La nonviolenza va coniugata con la cittadinanza attiva e con la formazione scolastica (Cittadinanza e Costituzione) in modo da ancorare ogni azione ai valori non puramente soggettivi, ma agli ideali storici e ai principi della Costituzione.

 

Un contributo specifico verrà fornito inoltre da Alfonso Navarra dei Disarmisti Esigenti (DE), testimone diretto delle conferenze ONU che hanno portato agli accordi di Parigi sul clima globale e al Trattato di proibizione delle armi nucleari, partner di PeaceLink anche nella Rete ICAN, premio Nobel per la pace 2017. Disarmisti Esigenti che si riconoscono nella definizione di "nonviolenza efficace" su cui insiste Papa Francesco: i progressi nel diritto internazionale. Bisogna in questo senso lavorare sul "diritto alla pace" riconosciuto dall'ONU e approfondirlo e attualizzarlo nei suoi pilastri con quelle campagne internazionali che lo facciano marciare sulle gambe dei movimenti nonviolenti per il disarmo nucleare e il disarmo in genere, per la giustizia climatica e ecologica, per la giustizia sociale, per i diritti umani fondamentali. In questo momento storico da parte dei Disarmisti Esigenti e dei suoi partner si ritiene di importanza decisiva dialogare con il movimento giovanile globale dei Fridays For Future, espressione di un nuovo '68 ecologista nonviolento che chiama tutti in tutto il mondo alla resistenza "partigiana" contro le lobby della crescita accumulatoria senza freni (responsabile dell'effetto serra di origine antropica) e contro le minacce che incombono sulla sopravvivenza stessa dell'Umanità.  

La Redazione di PeaceLink e l'associazione Disarmisti Esigenti ringraziano il Centro Studi Sereno Regis di Torino e gli altri partners per la collaborazione e il coinvolgimento in questa importantissima iniziativa: il Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile di Torino.

Per maggiori informazioni:
Angela Dogliotti Marasso
Vedi anche:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)