MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Il tessitore dei diritti umani
    Iqbal Masih, tredici anni, è stato ucciso a Lahore il 16 aprile 1995

    Il tessitore dei diritti umani

    Iqbal Masih era colpevole: colpevole per essersi ribellato in Pakistan alla mafia dei tappeti, allo sfruttamento minorile ed aver istigato altre persone a seguire il suo esempio. A questa pagina web è allegato un fumetto su Iqbal Masih da diffondere nelle scuole realizzato da World's Children's Prize Foundation e tradotto in italiano da PeaceLink.
    3 marzo 2018 - Giacomo Alessandroni
  • Adesso può baciare lo schermo
    Aumentano i matrimoni “virtuali”

    Adesso può baciare lo schermo

    Internet rivoluziona il giorno più bello per antonomasia
    16 dicembre 2013 - Sarah Maslin Nir
  • Gli adolescenti e il social network
    È vero che gli adolescenti che socializzano troppo online non sono più capaci di comunicare di persona? Secondo Clive Thompson i fatti parlano diversamente.

    Gli adolescenti e il social network

    E se ne traessero dei vantaggi?
    25 novembre 2013 - Clive Thompson

Giornalisti: Carta di treviso, con 'media educational' ragazzi giudicano media

5 ottobre 2005
Fonte: ADNK

Treviso, 5 ott. (Adnkronos) - Si chiama ''Media Educational'' ed e' un progetto presentato oggi durante il convegno dedicato a 'i 15 anni sulla Carta di Treviso, i giornalisti alleati dei bambini'. I ragazzi delle scuole medie superiori sono chiamati ad esprimersi, e a giudicare, su quanto i media gli sottopongono: dalla televisione, alla radio, fino ad internet. ''Questo - secondo Media Watch, che ha ideato il progetto - per sviluppare nei giovani un senso critico ed una cultura legata ai mezzi di comunicazione''. Il progetto sta nascendo laddove e' stata sviluppata la Carta di Treviso: il capoluogo della Marca trevigiana come fulcro di un progetto che l'osservatorio giornalistico Mediawatch vorrebbe poi diffondere in tutta Italia. ''Studenti e professori sono chiamati a ad esprimere il loro giudizio su programmi tv, radiofonici, siti web, giornal e film indicando poi cosa e' piaciuto, cosa no e quali sono stati gli elementi educativi proposti e quelli no'', ha spiegato Mario Furlan, vice presidente dall'Associazione Carta di Treviso e promotore del progetto. (Paj/Gs/Adnkronos)

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)