MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • "Lei ama la guerra?"
    Una lettura utile ai tempi di Trump

    "Lei ama la guerra?"

    Emilio Lussu sulla guerra
    14 aprile 2018
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio

Bersagli sul confine sottile tra «terrorismo» e guerra sporca

6 febbraio 2005 - Gianni Minà
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Il sequestro in Iraq di Giuliana Sgrena che fa seguito a quello avvenuto il 5 gennaio di Florence Aubenas, inviata di Liberation, segnala un disegno ben preciso del quale per ora non è facile individuare il perverso manovratore, il puparo, come si direbbe se parlassimo di mafia. Ma la situazione contingente in quella che fu la terra di Babilonia, è molto simile alla più moderna logica mafiosa: quella di mandare messaggi attraverso atti infami per spaventare il mondo e costringerlo ad accettare la violenza come soluzione. Non è solo la categoria dei giornalisti indipendenti, schierati da sempre contro il conflitto in Iraq (come Baldoni) e mai stanchi di cercare la verità nascosta da questo enorme imbroglio chiamato «guerra preventiva» ad essere bastonata con insistenza. C'è una cura particolare nel colpire testimoni (come Simona Torretta e Simona Pari) e croniste come la Sgrena e la Aubenas che ogni giorno, sul territorio, documentano con storie apparentemente piccole, con le sofferenze della quotidianità della gente, l'assurdità di questo vulcano insensatamente attivato in Iraq e forse prologo di altre prossime «liberazioni» progettate per quella zona di mondo. Sofferenze scandite prima dalla dittatura di Saddam e dall'embargo che ha causato migliaia di vittime specie fra i bambini, ed ora da una guerra mai terminata che ha prodotto più di centoventimila morti assolutamente insignificanti nei bilanci dell'informazione occidentale.

Proprio ieri il Manifesto ha giustamente ricordato che Giuliana Sgrena, l'estate scorsa, ha intervistato una donna irachena torturata nel carcere americano di Abu Ghraib, una donna trascinata via dalla sua casa con il figlio e tenuta in carcere senza processo per ottanta giorni, scanditi da torture e sevizie. Giornalisti così sagaci non sono graditi in quel teatro di operazioni tanto contraddittorie.

Così, a molti appare una coincidenza non proprio banale il fatto che il rapimento della collega sia avvenuto pochi giorni dopo le elezioni, troppo presto interpretate come una vittoria della democrazia e l'inizio di un cammino di pace. Non conosciamo chi erano i candidati, non sappiamo esattamente quanti hanno votato e come, quanto è stato trasparente l'afflusso ai seggi. «Questa volta infatti - come ha commentato sarcasticamente Eduardo Galeano al Forum Porto Alegre - per una singolare dimenticanza, non c'era Jimmy Carter e il suo staff a controllare le operazioni di voto».

Il fatto che i sunniti (fino a ieri, sotto la dittatura di Saddam, gestori del potere) abbiano deciso di disertare la consultazione elettorale, non ha fatto sorgere nessun dubbio sul prossimo futuro del Paese a chi, dopo le elezioni, si è affrettato a parlare di «vittoria della politica di Bush».

In realtà, il regolamento di conti in Iraq, come sosteneva sempre a Porto Alegre Tariq Alì, è disgraziatamente solo all'inizio, specie se si considera che a guidare il governo provvisorio dell'Iraq e a designarlo come futuro premier, gli Stati Uniti, senza tanti complimenti, hanno scelto Allawi, un ex asset della Cia. E con la stessa logica l'ambasciatore designato a Baghdad è stato John Negroponte, specialista in «guerre sporche» degli Stati Uniti in America latina.

Negroponte, che quando agiva dal suo quartiere generale in Honduras era soprannominato el proconsul, dirigeva il centro strategico della Cia più importante del continente, base della guerra occulta del presidente Reagan contro il governo sandinista del Nicaragua. Per questa politica, come ha ricordato recentemente Noam Chomsky, proprio sul Manifesto, gli Usa furono citati dal Nicaragua nel 1984 alla Corte internazionale di Giustizia dell'Aia che intimò al governo di Washington di cessare «l'uso illegale della forza», cioè il terrorismo contro il Nicaragua. Il consulente legale del Dipartimento di Stato, Abraham Sofaer, così spiegò la logica della Casa Bianca che aveva ignorato l'intimazione della Corte e posto il veto su ben due risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell'Onu: «Poiché la maggior parte del mondo non condivide il nostro punto di vista, dobbiamo riservarci il potere di decidere autonomamente».

E' verosimile, dunque, che il terrorismo islamico, trapiantato in Iraq da questa sciagurata guerra, sia il responsabile di questa strategia insensata proprio contro giornaliste come Giuliana Sgrena e Florence Aubenas, rappresentanti di quel mondo pacifista che il conflitto l'ha combattuto fin dall'inizio.

Ma sono in molti, fra essi, prestigiosi analisti nordamericani, a pensare che azioni destabilizzanti giocati sulla pelle di giornaliste, testimoni dirette della decomposizione di una nazione in nome del big business della ricostruzione dell'Iraq, possano essere il frutto anche di scellerate strategie di intelligence. Strategie basate sulla convinzione che questi atti possano indurre un'opinione pubblica, decisamente schierata contro la guerra, ad avere dei dubbi e ad ammettere che i metodi forti siano l'unica soluzione possibile in Iraq e che l'occupazione del paese debba, quindi, continuare.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)