Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Vendola: «Pronta prima del voto la delibera per la bonifica dei siti»

Si seguirà il modello-Brindisi. C'è l'accordo con il Ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio. «Certo, lo so bene, non ho potuto fare una rivoluzione - ammette Vendola -. Non posso dire, in tutta onestà, che tutto va per il meglio. Ma, in questi tre anni di lavoro, ho fatto indossare alla nostra regione, alle nostre terre, una sorta di giubbotto antiproiettile, una sorta di protezione».
17 marzo 2008
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia «Stiamo lavorando intensamente per poter firmare il provvedimento prima delle elezioni. Seguiremo per Taranto, il modello già adottato qualche mese fa a Brindisi». L’annuncio porta la firma di Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia. Il contesto è quello elettorale. Vendola sta per fare da apripista di lusso a Fausto Bertinotti, leader de “La Sinistra-L’Arcobaleno”, che sabato scorso ha aperto a Taranto la sua campagna elettorale.

Vendola, nel suo intervento, parla dei risultati ottenuti in questi (quasi) tre anni alla guida della regione. «Certo, lo so bene, non ho potuto fare una rivoluzione - ammette Vendola -. Non posso dire, in tutta onestà, che tutto va per il meglio. Ma, in questi tre anni di lavoro, ho fatto indossare alla nostra regione, alle nostre terre, una sorta di giubbotto antiproiettile. Una sorta di protezione. Penso al piano di tutela delle acque e delle coste, penso all’istituzione di dodici parchi. Ho, abbiamo dato un segnale in una regione nella quale lo sperpero ed il degrado delle nostre risorse naturali era una pratica quotidiana».

Da qui, per annunciare (anche per Taranto) la firma di un provvedimento che bonifichi i siti industriali inquinati il passo è davvero breve. «Quello che abbiamo fatto a Brindisi è stato importante, pensiamo di farlo anche a Taranto. Confermando così la nostra chiara politica industriale ed ambientale».

All’Ilva, al gruppo Riva, l’abbiamo detto più volte: devi garantire l’occupazione ma anche farci respirare». Subito dopo, davanti ad una numerosa platea, Nichi Vendola getta quasi un grido di dolore: «In questa città, in questa Taranto, ci sono bambini di 7-8 anni che hanno i polmoni nelle stesse condizioni di un 70enne che fuma 2-3 pacchetti di sigarette al giorno. Questo è intollerabile. Basta». Volano gli applausi.

Ezio Stefàno, seduto a due passi, annuisce. Condivide. Da medico pediatra prima ancora che da sindaco. E su questo tema bisogna aggiungere che anche il ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, nel corso della visita fatta due settimane fa a Palazzo di Città, disse di condividere lo schema adottato per Brindisi e di aver dato disposizioni alle direzioni del suo ministero perchè lavorassero in tale direzione.

Nel corso della stessa visita, il ministro annunciò anche di aver scritto al presidente Vendola chiedendogli di avviare l’iter per l’accordo di programma sull’Autorizzazione integrata ambientale all’Ilva. E’ l’Autorizzazione, questa, che da un lato dovrà contenere le emissioni inquinanti dell’Ilva e dall’altro adeguare la fabbrica alle nuove norme europee in materia ambientale.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)