Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Nessun diniego all'uso del pet-coke (coke di petrolio) e del catrame di cokeria

Ilva di Taranto: ecco la relazione del dott. Vito Balice fino ad ora rimasta riservata

Questa mattina siamo entrati in possesso di questa importante relazione in cui il consulente ambientale della Regione Puglia e della Provincia di Taranto dichiara che il piano di adeguamento dell'Ilva "ha sostanzialmente evidenziato l'idoneità dello stesso per il conseguimento della riduzione dell'impatto ambientale dello stabilimento.
16 giugno 2008
PeaceLink e Comitato per Taranto (Biagio De Marzo, Alessandro Marescotti, Lea Cifarelli, Giulio Farella)

- Questa mattina abbiamo ottenuto il documento redatto dal dott. Vito Balice in cui si esprime un giudizio di sostanziale “idoneità” del piano di adeguamento dell'Ilva rispetto allo scopo di ridurre gli inquinanti.

Il documento lo alleghiamo alla presente pagina web.

Ma chi è il dott. Vito Balice?

E' contemporaneamente consulente della Provincia di Taranto e della Regione Puglia nell'ambito della Commissione Istruttoria per l'Autorizzazione Integrata Ambientale-IPPC.

In questa veste ha elaborato "considerazioni e commenti allo studio AIA presentato dalla azienda ILVA al Ministero dell'Ambiente".

La relazione era protetta da password, inaccessibile al pubblico
Si tinge di giallo l'AIA ILVA. Infatti la relazione del consulente di Regione Puglia e Provincia di Taranto era rimasta nel sito del Ministero dell'Ambiente dal 24 aprile 2008 a oggi in un'area "non accessibile al pubblico".
Era accessibile solo per chi possedeva un'apposita password ed era protetta dagli sguardi indiscreti del pubblico.

Oggi è finalmente consultabile da tutti su questo sito.

Quindi l'"idoneità" del Piano Ilva decretata dal consulente di Provincia e Regione non era era nota al pubblico ma era valevole a tutti gli effetti per il Comitato Istruttorio del Ministero dell'Ambiente
Nella relazione viene dato un giudizio fondamentalmente positivo sul piano di adeguamento degli impianti Ilva alle BAT (Best Available Techniques, ossia “migliori tecnologie disponibili”). E' una relazione in cui i rilievi, a nostro parere, sono minimi rispetto alle drammatiche criticità dell'Ilva e alle evidenti lacune del piano di riduzione degli inquinanti.

Nelle conclusioni il dott. Balice scrive invece: "L'esame del Piano di adeguamento dell'Ilva ha sostanzialmente evidenziato l'idoneità dello stesso per il conseguimento della riduzione dell'impatto ambientale dello stabilimento. Il piano contiene gli interventi che al momento si ritiene utili per l'adeguamento degli impianti esistenti alle BATdi settore ed interviene sulle linee di impatto più significative quali cokerie ed acciaierie con una drastica riduzione delle polveri diffuse". (p.5)

Inoltre vi si parla del pet-coke (p.5), senza però avanzare divieti al suo uso. Si fa riferimento infatti al coke di petrolio (pet-coke) e del catrame di cokeria nell'ambito della cokeria Ilva, "condividendo la scelta di non modifica sostanziale". (p.6)

Tale relazione è del 23 aprile e il dott. Vito Balice dimostra di conoscere in quella data l'intento da parte dell'Ilva di usare il pet-coke nell'ambito della già inquinante cokeria. Il 24 maggio un blitz dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico all'Ilva di Taranto ha portato al sequestro del pet-coke all'interno della zona parchi minerali nella quale erano state stoccate 16 mila tonnellate di questa sostanza molto inquinante, conosciuta come la “feccia del petrolio”.

Perché una questione così scottante è stata mantenuta riservata e solo oggi emerge dopo una martellante richiesta di PeaceLink? Perché non farne oggetto di una più ponderata e pubblica riflessione? Perché lasciare alla sola magistratura il compito di intervenire a tutela della salute dei cittadini?

La lettera di accompagnamento della Provincia di Taranto fa propria le relazione del dott. Vito Balice come "relazione istruttoria predisposta dal suddetto referente di questa Provincia, comprensiva del giudizio relativo alla sostanzialità delle modifiche programmate dal Gestore".

Entriamo nei dettagli della relazione.

Nella pagina 1 e 2 della relazione si ripercorrono i contenuti dei quattro atti di Intesa e dell'accordo di programma dell'11/4/2008.

A pagina 3 vi sono le "Valutazioni riguardanti il Piano ILVA" e viene esaminata la "bontà degli interventi proposti" confrontandoli con le BAT (Best Available Techniques, migliori tecnologie disponibili).

Il dott. Balice dichiara che nel Piano di adeguamento dell'ILVA vi sono "soluzioni impiantistiche BAT" e "interventi su linee tecnologiche già conformi impiantisticamente alle linee guida BAT". Si parla di attività in grado di essere "risolutive in termini di riduzione dell'impatto ambientale dello stabilimento (p.3).

Il consulente della Provincia di Taranto e della Regione Puglia dichiara: "Emerge che il Piano ILVA è essenzialmente indirizzato a ridurre la quantità di inquinanti complessivamente emesse dalle emissioni convogliate".

Inoltre dichiara che il Piano ILVA è indirizzato a "intervenire drasticamente nella riduzione delle emissioni a caratteri diffuso".

Non solo: il piano sarebbe persino indirizzato a "incrementare il margine di sicurezza ecologica delle immissionim nei canali di scarico e di coneguenza nel recettore finale (Mar Grande) dagli impianti di trattamento delle acque reflue". (p.4)

Altra qualità che il Piano ILVA avrebbe è quella di "rafforzare la capacità di autosmaltimento dello stabilimento" e di "ridurre progressivamente la presenza di sostanze pericolose". (p.4)

Peccato che noi non siamo in grado di sapere di quanto tutto ciò si voglia o si debba ridurre. Se ne potessimo conoscere sia le percentuali sia i valori assoluti saremmo veramente grati sia all'Ilva sia al dott. Vito Balice.

Vorremmo conoscere ad esempio di quanto l'Ilva ridurrà le emissioni di arsenico, benzene, benzoapirene e di altri cancerogeni. Vorremmo sapere se eliminerà il mercurio e altri inquinanti neurotossici. Vorremmo sapere a quanto scenderanno le emissioni di diossine, su cui il dott. Balice non si sbilancia evidenziando "una grave lacuna normativa" che non consentirebbe di fissare un limite certo agli impianti di agglomerazione da cui fuoriesce la diossina. (p.4-5)

Il dott. Balice, parlando dello SME (Sistema Misurazione Emissioni) non indica la necessità di un sistema di campionamento in continuo delle diossine, limitandosi in modo generale a richiedere "periodiche determinazioni analitiche delle diossine", senza dire quale periodicità dovrebbero avere. (p.6)

Leggendo e rileggendo questa relazione che la Provincia di Taranto e la Regione Puglia hanno inviato al Ministero dell'Ambiente emergono molti dubbi, tanto che sarebbe opportuno che tali Enti la ritirassero per ragioni di cautela e di opportunità. Essa infatti dà di fatto "disco verde" su gran parte del piano ILVA e spiana la strada all'Autorizzazione Integrata Ambientale senza che vengano accolte le osservazioni delle associazioni ambientaliste.

La cosa forse più grave è che in poche pagine viene espresso un giudizio positivo sul contenimento delle emissioni senza che noi cittadini possiamo conoscerne l'entità effettiva, numeri alla mano.

Anzi: a noi rimangono secretate le informazioni dettagliate sulle emissioni Ilva nell'AIA.

Avevamo infatti richiesto che il Ministero dell'Ambiente non mantenesse riservata la documentazione Ilva sulle emissioni dei microinquinanti, attualmente non accessibili al pubblico. Il Ministero dell'ambiente ha richiesto all'Ilva di rendere pubbliche quelle informazioni. L'Ilva si è opposta alla divulgazione delle informazioni in questione sostenendo che la documentazione da noi richiesta non riguarda le emissioni inquinanti ma informazioni "la cui divulgazione a terzi è certamente lesiva per la scrivente società in quanto può consentire di ricavare indicazioni sulla formazione di costi industriali ed elementi per la valutazione della performance".

L'Ilva inoltre non considera il Comitato per Taranto legittimato ad agire nell'AIA lo definisce – nella lettera al Ministero - un "sedicente Comitato".

In questo contesto, in cui viene sostanzialmente ritenuto ideoneo il piano di adeguamento ILVA senza definire in che misura esso riduce ogni tipo di emissione inquinante, emerge una scandalosa carenza di informazione al pubblico.

Vorremmo sapere in che misura ogni singola BAT concorra ad abbassare le emissioni di ogni singolo impianto: ma non lo sappiamo, né la relazione del dott. Balice ci aiuta a saperlo.

Ecco perché riteniamo opportuno – alla luce di quanto emerso in questa sorprendente vicenda - che la relazione del dott. Vito Balice venga ritirata e che Provincia e Regione si affidino ad un altro consulente nel farsi rappresentare nella Commissione nazionale istruttoria IPPC-Ilva.

Recentemente l'assessore all'ecologia della Provincia di Taranto Michele Conserva ci ha espresso la disponibilità ad accogliere alcune osservazioni delle associazioni ambientaliste per l'Autorizzazione Integrata Ambientale. Questo gesto di apertura è positivo. Per essere efficace è opportuno a nostro parere il ritiro della relazione del dott. Vito Balice che entra in aperta contraddizione con l'intera impostazione delle osservazioni delle associazioni ambientaliste.

Chiediamo infine all'assessore regionale all'Ecologia Michele Losappio se questo documento del dott. Vito Balice sia stato o no inserito in un'area riservata del Ministero dell'Ambiente a nome della stessa Regione Puglia. Chiediamo alla Regione Puglia se non ritenga utile e anzi necessario ritirare un simile documento che non riteniamo affronti in modo analitico e con la necessaria severità, impianto per impianto, le evidenti criticità dell'Ilva.

Diamo atto all'assessore all'ecologia della Provincia di Taranto, Michele Conserva, di aver agito nello spirito di un costruttivo dialogo e riteniamo che su questa linea si possa proseguire in modo proficuo.

Allegati

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)