Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Salvare le vite prima di tutto

    Salvare le vite prima di tutto

    Un appello dopo l'intenzione del Governo Italiano di chiudere i porti alle navi delle organizzazioni umanitarie, un atto che condannerebbe a morte migliaia di persone sospese fra le persecuzioni subite nei paesi di origine, quelle patite in Libia e il diritto alla salvezza. PeaceLink aderisce a quest'appello
    1 luglio 2017
  • Diritto alla salute e cittadinanza globale

    Chiara Castellani

    L'Agenda Onu 2030 riporta fra gli obiettivi il diritto alla salute e la lotta alle diseguaglienze, alla povertà, alla fame. Tutte cose per le quali Chiara Castellani ha dedicato la sua vita prima in America Latina e poi in Africa
    16 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Resistiamo alla guerra!
    Non lasciamoci coinvolgere dalla missione militare USA

    Resistiamo alla guerra!

    Partecipare alla guerra in Libia non ci metterà al sicuro ma ci esporrà a nuovi pericoli. E’ tempo di riconoscere che il primo interesse concreto, vitale, dell’Italia è la pace. La decisione americana di intervenire direttamente con nuovi bombardamenti è il segno dell’escalation in corso. Dicono che stanno combattendo lo stato islamico ma la guerra non ha mai risolto un solo problema senza crearne di peggiori.
    7 agosto 2016
  • Isis, come è nato il terrorismo che insanguina anche l'Europa
    Una cronologia

    Isis, come è nato il terrorismo che insanguina anche l'Europa

    Dalla disintegrazione di Iraq, Silria e Libia alla formazione del Califfato
    23 marzo 2016 - Alessandro Marescotti

Allarme oceani: la liberalizzazione dei mercati rischia di svuotarli

Venerdì scorso Greenpeace ha pubblicato un nuovo rapporto, Trading Away Our Oceans, su un aspetto della liberalizzazione dei mercati che non viene spesso preso in considerazione. Con le sue 74 pagine, il rapporto può risultare un po' pesante, ma il messaggio è semplice e chiaro: la liberalizzazione del commercio del pescato porta gravissimi danni all'ecosistema marino e alle comunità dipendenti dalla pesca.
23 gennaio 2007 - Salvatore Barbera

Da Nairobi, dove e' in corso il Forum Sociale Mondiale, Greenpeace lancia un grido di allarme: ulteriori liberalizzazioni commerciali nel settore della pesca possono risultare disastrose sia per l'ambiente marino che per le comunità locali che vivono da generazioni con la pesca sostenibile.
La cosa interessante è che Greenpeace è arrivata a queste conclusioni prendendo in esame i dati ufficiali forniti da fonti governative e da istituzione internazionali, come l'OECD (Organisation for Economic Co-operation and Development) e la Comunità' Europea. Vengono, tra gli altri, portati i casi di paesi quali Senegal, Mauritania e Argentina, che da alcuni anni si sono lanciati nel mercato del libero commercio. In tutti i casi si sono evidenziati danni ingenti all'ambiente marino ed una diminuzione delle risorse ittiche a disposizione delle popolazioni locali. Nel caso dell'Argentina è stata stimata una perdita di 3.5 milioni di dollari l'anno per l'industria del pesce, dimostrando che nemmeno dal solo punto di vista economico tali scelte portano effettivi benefici.
In generale i paesi in via di sviluppo, che non possono competere con le grosse industrie del pesce Giapponesi e Occidentali, sarebbero quelli a subire più danni e. L'Africa sarebbe il continente che rischia di farne maggiormente le spese.

Evidente l'intento di Greenpeace di far arrivare il proprio messaggio ai Ministri del Commercio che si riuniranno mercoledì prossimo a Davos (Svizzera) per il Word Economic Forum.
«Il messaggio da Nairobi a Davos è chiaro: piani per la liberalizzazione incontrollata del commercio mondiale del pescato devono essere abbandonati subito alla luce del forte impatto negativo, sociale ed ambientale, che il sovrasfruttamento delle risorse comporterebbe» dichiara Daniel Mittler di Greenpeace International. "Se a Davos verrà deciso di perseguire la liberalizzazione dei mercati globali, a farne le spese saranno i nostri oceani e la sicurezza alimentare di miliardi di persone.

Per saperne di più si può leggere il sito di Greenpeace, o scaricare il rapporto «Trading Away Our Oceans» in pdf.

Note:

http://oceans.greenpeace.org/en/the-expedition/news/trading-away-oceans

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)