"Ma il Diavolo era talmente stanco da lasciar tutto agli uomini, che sapevano fare meglio di lui", scriveva Leonardo Sciascia. Oggi abbiamo nomi e cognomi di una strage compiuta a Taranto dentro lo stabilimento siderurgico

La strage

Nel novembre dello scorso anno, dopo 14 decessi di operai per cancro, sono stati inquisiti sessantotto dirigenti del Petrolchimico di Brindisi per disastro ambientale doloso, lesioni gravi, omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro e strage colposa. All'ILVA di Taranto il numero di decessi per cancro (nel solo periodo che va dal '90 al '98) è addirittura superiore: 25.
23 febbraio 2001

L'ILVA di Taranto batte il Petrolchimico di Brindisi nella macabra partita dei morti per cancro. Nella città jonica il numero complessivo di decessi per neoplasie è aumentato del 100% dal 1971 a oggi. Pubblichiamo l'elenco degli operai vittime di questa strage, di cui nei giorni scorsi ha già scritto il giornalista Michele Tursi del Corriere del Giorno di Taranto. E' un caso nazionale che fino ad ora non è esploso perché nella città delle cozze e delle ciminiere si ha purtroppo paura di parlare.

Operatori cokerie ILVA - Taranto
Neoplasia polmonare
Deceduti:

* Giuseppe M. 43 anni operatore BAT 1/6 deceduto nel 1990 Lizzano (TA)
* Antonio M. 53 anni operatore BAT 1/6 in prepensionamento dal 1993 deceduto nel 1996 S.Marzano (TA)
* Angelo S. 45 anni operatore BAT 1/6 operato nel marzo '95 e deceduto nel luglio '95 Statte (TA)
* Ciro S. 54 anni operatore BAT 1/6 in prepensionamento dal 1992 e deceduto nel 1996 San Marzano (TA)
* Biagio S. 51 anni operatore BAT 1/6 in prepensionamento dal 1992 e deceduto nel 1993 San Marzano (TA)
* Dario P. 44 anni operatore sottoprodotti deceduto nel 1994 Taranto
* P. 45 anni prima operatore BAT poi operatore sottoprodotti deceduto nel 1991
* Giuseppe M. 45 anni operatore BAT 11 deceduto nel 1995 Lizzano (TA)
* Giuseppe C. 53 anni operatore PRF in prepensionamento dal 1991 deceduto nel 1994 S.Giorgio (TA)
* Ciro M. 51 anni operatore PRF in prepensionamento dal 1992 deceduto nel 1993 Monteiasi (TA)
* Cosimo C. 45 anni operatore BAT 3/6 operato nel 1995 deceduto nel 1997 Crispiano (TA)
* Vito C. 48 anni operatore TMC operato nel 1995 deceduto nel 1997 Grottaglie (TA)
* Raffaele A. 53 anni operatore BAT 7/10 in prepensionamento dal 1993 deceduto nel 1996 Grottaglie (TA)
* Emanuele P. 44 anni prima operatore BAT poi operatore TMC deceduto nel 1998 Taranto
* Giovanni M. 45 anni addetto inversionista BAT 11 deceduto nel 1995 Mottola (TA)
* Antonio V. 55 anni addetto inversionista BAT 3/6 in prepensionamento dal 1993 deceduto nel 1998 Taranto
* Giuseppe M. 50 anni operatore BAT 3/6 deceduto nel 1991 Lizzano (TA)
* C. 51 anni operatore BAT 3/6 deceduto nel 1997 Martina Franca (TA)
* Silvano M. 51 anni operatore BAT 3/6 in prepensionamento dal 1996 deceduto nel 1997 Taranto

Operatori cokerie in terapia:

* Francesco C. 54 anni operatore BAT 7/10 in prepensionamento dal 1995 operato nel 1984 Massafra (TA)
* A. 45 anni operatore TMC operato nel 1995
* Giuseppe C. 48 anni operatore PRF operato nel 1994 e in CIGS
* Angelo N. 48 anni operatore BAT 3/6 operato nel 1993 e in CIGS
* Cosimo B. 49 anni operatore BAT 3/6 operato nel 1994 e in CIGS
* Martino V. 52 anni in prepensionamento dal 1996 operatore BAT 7/10 operato nel 1998

Dati aggiornati all'aprile 1998

Per capire come si sono ammalati guardate queste foto: http://www.peacelink.it/tematiche/ecologia/fumi.html

GLI OPERAI DI TARANTO HANNO BISOGNO DI UN LAVORO PER VIVERE NON PER MORIRE
Stiamo cercando i dati degli altri operai ammalatisi di cancro. Chi volesse segnalare nuovi casi scriva a: PeaceLink, casella Postale 2009, 74100 Taranto. Fax 1782273886

E-mail: volontari@peacelink.it
Informazioni e petizione sui siti
http://www.peacelink.it
http://www.taras.it

Morti per tumore Petrolchimico di Brindisi: 15
Morti per tumore ILVA di Taranto: 25

Allegati

Articoli correlati

  • La plastica negli altoforni ILVA
    Editoriale
    Invece di ridurre il più possibile l'uso della plastica

    La plastica negli altoforni ILVA

    Vorrebbero alimentare gli altoforni ILVA con centomila tonnellate/anno di plastica. E' una quantità di plastica enormemente superiore a quella prodotta dai tarantini (che non producono mezza tonnellata di plastica all'anno). A Taranto arriverà la plastica di tutto il mondo?
    7 agosto 2020 - Alessandro Marescotti
  • Base navale NATO di Taranto verso l’ampliamento
    Disarmo
    Lo annuncia il sottosegretario pentastellato Mario Turco

    Base navale NATO di Taranto verso l’ampliamento

    “Andremo  a realizzare una importante infrastruttura portuale adeguata alle necessità d’ormeggio delle nuove Unità Navali Maggiori ed in genere ai nuovi bisogni operativi della Marina Militare”.
    28 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull'ILVA
    Taranto Sociale
    L'ILVA multata per oltre 55 milioni di euro per non aver acquistato "certificati verdi"

    Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull'ILVA

    Richiesta di coinvolgimento dei cittadini ai sensi della Convenzione di Aarhus, recepita con legge 108/2001. Il Just Transition Fund non divenga la stampella per far proseguire ancora di qualche mese l'agonia dell'ILVA. Gli aiuti di stato sono vietati dal Trattato di Funzionamento dell'UE.
    23 luglio 2020 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • I terrapiattisti dell'ILVA
    Editoriale
    Come è recuperabile se perde cento milioni di euro al mese?

    I terrapiattisti dell'ILVA

    Nessuno ci ha mai spiegato come fa ad andare in equilibrio una fabbrica che, producendo meno di 4 milioni di tonnellate all'anno, dovrebbe superare i 7 milioni per raggiungere il pareggio.
    24 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)