La bufala del raid missilistico per distruggere i "laboratori di produzione di armi chimiche" e i "depositi di armi non convenzionali"

War for dummies

Un esperto di cose militari ha chiarito: ""Gli americani non avrebbero mai colpito se ci fosse stato il rischio di provocare un disastro ambientale e una catastrofe umanitaria di cui poi sarebbero stati considerati responsabili dall’opinione pubblica interna e internazionale". Ma milioni di Homer Simpson hanno creduto nel raid dal cielo che distruggeva veramente le armi chimiche. Il danno prodotto dalla propaganda di guerra nell'opinione pubblica è incalcolabile. I cittadini sono stati considerati manipolabili a piacimento con missioni di guerra i cui effetti, se raggiunti, avrebbero provocato lo sterminio della popolazione che i raid si proponevano di proteggere.
15 aprile 2018

Homer Simpson va alla guerra

"Imbecille, stupido, tonto". Questa è la traduzione di dummy. E quella che sta avvenendo è una guerra per i "dummises" come Homer Simpson. Per i milioni di Homer Simpson che hanno votato Trump e che lo hanno applaudito all'estero.

 

LA PSICO-GUERRA "FOR DUMMIES"

E' la guerra che non colpisce i presunti depositi chimici di Assad, ma che colpisce il cervello di milioni di persone. E' una guerra che sta avvenendo senza incontrare grande resistenza. Ormai gli esperti lo dicono: in Siria non sono stati colpiti i depositi di armi chimiche. E' avvenuta una messinscena per convincere i tanti Homer Simpson che era stato fatta qualcosa del genere senza tuttavia farla. Ma per fortuna - nonostante la versione ufficiale dica il contrario - nei siti colpiti non c'erano armi chimiche perché se così fosse stato sarebbero morte migliaia di persone, asfissiate dai gas. E così un'azione nata nell'ambito di una presunta «responsabilità di proteggere» si sarebbe trasformata in un genocidio provocato proprio da Trump, Macron e May, il trio che ha ideato l'incredibile propaganda della "distruzione di armi chimiche" mediante un raid. Roba da matti.
Vogliamo pensare che, a parte uno, gli altri due siano in grado di distinguere la follia dal buon senso. Ma il danno prodotto dalla loro propaganda di guerra nell'opinione pubblica è incalcolabile. Milioni di persone hanno creduto nel raid dal cielo che distruggesse veramente le armi chimiche.

 

L'ESPERTO


Un esperto di cose militari come Pietro Batacchi, direttore della Rivista Italiana Difesa, lo ha chiarito sufficientemente bene il 14 aprile: "Se il bombardamento le avesse colpite nei depositi, ci sarebbe stato un disastro ambientale, di cui per ora non c’è traccia”. Aggiungendo: "Gli americani  non avrebbero mai colpito se ci fosse stato il rischio di provocare un disastro ambientale e una catastrofe umanitaria di cui poi sarebbero stati considerati responsabili dall’opinione pubblica interna e internazionale".  Prima di Batacchi questa cosa l'avevamo scritta sul sito di PeaceLink. Ma non bisogna essere dei geni dell'arte militare per intuire che le armi chimiche non si rendono disinnescano bombardandole.

 

LE BUGIE DI GUERRA


Le guerre mediatiche stanno causando un danno incalcolabile all'intelligenza delle persone. Il generale USA Colin Powell all'ONU mentre esibisce all'ONU nel 2003 una misteriosa fialetta per convincere il mondo dell'esistenza in Iraq di armi di distruzione di massa, mai trovate.

  Basti pensare che la guerra in Iraq nacque con il generale Colin Powell all'Onu che organizzò una messinscena agitando una misteriosa fialetta in pubblico. La guerra del 2003 e la successiva occupazione americana dell'Iraq, come è noto, non portarono alla scoperta di nessuna arma di distruzione di massa. Nel 2011 l'attacco occidentale alla Libia venne scatenato dopo un bombardamento a Tripoli sulla folla mai avvenuto, e subito dopo vennero trasmesse immagini di sepoltura in fosse comuni, con al-Arabiya (emittente televisiva dalla parte dei ribelli) che parlava di diecimila morti e 50mila feritiLa bufala delle fosse comuni in Libia, usata per scatenare l'attacco contro Gheddafi Ma erano semplicemente le immagini del cimitero di Sidi Hamed durante alcuni normali lavori di spostamento dei resti. Una bufala totale che è però servita a far immaginare all'opinione pubblica mondiale che i cimiteri libici non riuscissero più a contenere le vittime causate dai bombardamenti di Gheddafi sulla folla.
E oggi che succede?
Ci vogliono far pensare che con un bombardamento si possano distruggere le armi chimiche. Per fortuna i dummies sono nell'opinione pubblica e non fra i militari che sanno bene che una simile operazione rischierebbe di provocare un genocidio. Ma tanta gente abbocca e ci crede nella favola dell'attacco chiururgico che elimina le armi chimiche.

 

HOMER SIMPSON VA ALLA GUERRA

 

L'infografica di questa pagina web è dedicata proprio a loro, agli Homer Simpson che non pensano e che bevono ogni stupidaggine sia propinata con un minimo di plausibilità. Ma quella del bombardamento delle armi chimiche non ha neppure le caratteristiche della plausibilità, ed è probilmente una maniera di saggiare quanto sia reattiva l'opinione pubblica, e anche quanto sia reattiva la capacità di controinformazione del movimento pacifista, oggi purtroppo limitatissima. Ci troviamo di fronte ad un test per saggiare quanto sia calato il livello di autodifesa critica dell'opinione pubblica, non solo negli Usa ma anche in Italia, nazione in cui il 70% non è in grado di comprendere un testo scritto di media complessità con sufficiente competenza.

La voce del nemico

Al momento di marciare 

molti non sanno che

alla loro testa marcia il nemico.

 
La voce che li comanda

è la voce del loro nemico.


E chi parla del nemico 

è lui stesso il nemico.

 

Bertolt Brecht

 

IL BUON SENSO E IL DIRITTO INTERNAZIONALE

 

Stare dalla parte del popolo siriano adesso significa sperare che nessun attacco missilistico sulle armi chimiche vada a buon fine e che nessun deposito venga colpito. Quello che occorre fare è invece continuare le ispezioni in modo da smantellare tutte le eventuali riserve di armi chimiche (l'arsenale siriano fu ufficialmentedistrutto anni fa sotto la supervisione internazionale). Come prevede il diritto internazionale.

 

L'ALZHEIMER BELLICO Aumento delle spese militari e tensioni internazionali


Ma soprattutto occorre vigilare perché non si propaghi l'alzheimer bellico, una forma di demenza degenerativa progressivamente invalidante per l'opinione pubblica. Ridurci a utili idioti è il peggiore risultato di questa "war for dummies" che sta facendo d'altro canto crescere le quotazioni in borsa per l'industria della armi

 

FINCHE' C'E' GUERRA C'E' SPERANZA


Le società produttrici di armi attenono un forte rialzo e sui siti specializzati negli investimenti redditizi leggiamo: "Solitamente il momento migliore per investire in azioni di società produttrici di armi è dopo un attentato o quando si intraprendono delle azioni belliche".
Il sito guidatrading.com fa un elenco degli investimenti favorevoli in situazioni di conflitto come questa: 

  • Lockheed Martin – USA (aerei, missili, elettronica, spazio)
  • Boeing – USA (aerei, missili, elettronica, spazio)
  • BAE Systems – UK (aerei, artiglieria, elettronica, veicoli militari, missili, armi/ munizioni, navi)
  • Raytheon Company – USA (missili)
  • Northrop Grumman – USA (aerei, elettronica, missili, navi, spazio)
  • General Dynamic – USA (artiglieria, elettronica, veicoli militari, armi/munizioni, navi)
  • Airbus Group (EADS) – Europa (armi, elettronica, missili)
  • Finmeccanica – Italia (elicotteri, elettronica, missili, munizioni, aerei, veicoli militari)
  • United Technologies – USA (armi, elicotteri)
  • Thales – Francia (armi, elettronica)

E allora - sembrano dirci i listini delle quotazioni in borsa - se non siete proprio degli idioti completi cosa aspettare a investire? Finché c'è guerra - diceva Sordi nell'omonimo film - c'è speranza. 


Un colossale business si sta sviluppando sull'enorme sofferenza del popolo siriano. Ed non vi è ragione per porre fine alla sofferenza se, tutto sommato, le quotazioni in borsa vanno così bene.

Articoli correlati

  • L'Italia è in difficoltà ma la Meloni vuole il caccia di sesta generazione
    Disarmo
    Il movimento pacifista deve essere capace di chiedere lo stop sul nascere di questo programma

    L'Italia è in difficoltà ma la Meloni vuole il caccia di sesta generazione

    Stiamo ancora pagando gli F-35, la società è attraversata da proteste di ogni genere, la crisi economica attanaglia i cittadini. E nonostante questo è stato messo in agenda il Combat Air Programme (GCAP) con il caccia di sesta generazione Tempest. Costo 6 miliardi di euro solo nella prima fase.
    11 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Audizione di Peacelink al Senato sul decreto legge 4/2024 per l'ILVA
    Ecologia
    Chiesta la riconversione del sito utilizzando i fondi destinati al programma militare GCAP

    Audizione di Peacelink al Senato sul decreto legge 4/2024 per l'ILVA

    La posizione è contraria alla concessione del prestito di 320 milioni all'azienda. Chiediamo invia subordinata una modifica del decreto che vincoli i prestiti al raggiungimento di obiettivi di salvaguardia ambientale.
    5 febbraio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Ucraina: una guerra pianificata per i media
    MediaWatch
    Alcuni soldati stanno rompendo il silenzio e raccontano la verità

    Ucraina: una guerra pianificata per i media

    In un'era di Open Source Intelligence, gli analisti conoscono il campo di battaglia con grande precisione e costruiscono mappe digitalizzate. Ma alla gran parte dell'opinione pubblica viene fornita un'informazione orientata alla propaganda che non corrisponde alla realtà
    20 dicembre 2023 - Alessandro Marescotti
  • La coerenza testarda di Angelo Baracca
    Editoriale
    Un protagonista nella costruzione di reti di solidarietà e di cambiamento

    La coerenza testarda di Angelo Baracca

    Angelo era un uomo che faceva rete attraverso la sua produzione di articoli e la sua presenza costante. Era sempre disponibile, incapace di dire di no quando era necessario esserci, era generoso nell'impegno anche quando le sue forze lo stavano abbandonando.
    11 novembre 2023 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)