Donne e uomini per la pace

80 Articoli - pagina 1 ... 6 7 8
  • Gandhi e l'idea di sacrificio

    Morti violente per amore nell'esperienza induista: Gandhi

    La sofferenza è l'arma umana - Libertà dalla paura - Il sacrificio è l'amore - Una morte facile? - Una morte inutile? - Gandhi e gli ebrei - Gandhi e la propria morte - La croce e la vita -
    26 agosto 2007 - Enrico Peyretti
  • Antonio Parisella

    22 maggio 2005
  • Un uomo di pace che si batté per la giustizia

    La Pira, la vita in pareggio

    Dalla costituente a sindaco di Firenze: una testimonianza evangelicamente in difesa del lavoro.
    20 maggio 2005 - Giorgio Boatti
  • Cronologia essenziale della vita di un profeta della nonviolenza attiva.

    Biografia del Mahatma Gandhi

    Mohandas Gandhi è stato definito “scienziato della nonviolenza”, “portavoce della coscienza dell’umanità”, “genuino rivoluzionario”, “appassionato, indomito, continuo contestatore”, "umile ricercatore della verità"; a noi piace ricordarlo come un tenace servitore dell’utopia concreta, uno dei personaggi “illuminati-illuminanti” della storia dell’umanità.
    18 maggio 2005 - Matteo Della Torre (a cura)
  • Relazione del dicembre 1999

    Aldo Capitini: l'idea di una religione aperta

    Relazione di Enrico Peyretti al Convegno di studi - Torino 15-16 dicembre 1999 - "Aldo Capitini filosofo della nonviolenza nel centenario della nascita"
    26 febbraio 2005 - Enrico Peyretti
  • Si opponeva all'abbattimento delle case palestinesi

    La giovane americana Rachel Corrie, schiacciata da una ruspa israeliana

    Questo documento vuole essere una testimonianza per non dimenticare Rachel, una giovane pacifista, che con il suo coraggio voleva fermare le ingiustizie che ogni giorno si verificano in Palestina.
    Nel 2003, anno della morte di Rachel Corrie, si è mosso contro la guerra il più grande movimento pacifista che la storia abbia mai conosciuto: Rachel Corrie è sicuramente un simbolo di questo movimento.
    E' stata uccisa dalla logica assurda e brutale della guerra che tutti i pacifisti cercano di fermare. Ricordiamo che è ancora in corso un conflitto fra israeliani e palestinesi, con tante vittime civili innocenti in entrambi i paesi e che si deve continuare a fare pressione affinchè si trovi una soluzione pacifica e duratura.
    12 ottobre 2004 - Stefano Costa
  • "I nostri figli non ci verranno sottratti affinché disimparino tutto quello che noi siamo state in grado di insegnare loro sulla carità, la pietà e la pazienza".

    La pacifista Julia Ward Howe e la Festa della Mamma

    Suo è l’appassionato primo discorso, pronunciato nel 1870, in occasione della Proclamazione del Giorno della Madre. Non una festa commerciale creata per vendere cioccolatini ma per protestare contro la guerra. Il Giorno della Madre fu il giorno delle donne che avevano perduto i loro figli contro il massacro della guerra.
    3 ottobre 2004 - Monica Lanfranco
  • Gli anarchici vedevano in Dolci lo spirito della libera partecipazione popolare "dal basso"

    Danilo Dolci e gli anarchici

    In mezzo ai digiuni, alle marce e alle altre iniziative popolari di Danilo Dolci in Sicilia, vi erano militanti e pensatori anarchici e libertari che, senza rumore o porre cappelli ideologici, dettero un notevole contributo al movimento dolciano. Dell'ampia simpatia nutrita nei confronti di Danilo Dolci dagli ambienti anarchici italiani, e siciliani in particolare, sono testimonianza i numerosi articoli apparsi sulla stampa anarchica.
    19 settembre 2004 - Natale Musarra
  • Nell'anniversario dell' 8 settembre ricordiamo la figura di questa instancabile costruttrice di pace

    Per ricordare Ondina Peteani

    Prima Staffetta Partigiana d'Italia
    AUSCHWITZ numero 81672
    Pagina web su PeaceLink
    http://italy.peacelink.org/pace/articles/art_6735.html

    6 settembre 2004 - Gianni Peteani
  • "Qui è sotto processo la Shell"

    La storia dello scrittore nigeriano Ken Saro-Wiwa, ucciso per il petrolio

    Lo scrittore Nigeriano Ken Saro-Wiwa e altri otto attivisti ogoni, da anni
    schierati contro le attivita' della Shell in Nigeria, furono stati condannati
    a morte da un tribunale militare e uccisi il 10 novembre 1995. Disse prima di morire: "Io sono un uomo di pace, di idee. Provo sgomento per la vergognosa povertà del mio popolo che vive su una terra molto generosa di risorse; provo rabbia per la devastazione di questa terra".
    3 settembre 2004 - Alessandro Marescotti
pagina 7 di 8 | precedente - successiva
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)