Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Morte bianca all’Ilva, 7 indagati

Conclusa l’inchiesta sull’incidente del 18 aprile 2006 costato la vita ad Antonio Mingolla, dipendente della Cmt. Non si ferma la catena di infortuni. Prosegue l’attività di monitoraggio dopo le pressanti denunce degli ambientalisti ionici. Già prelevati campioni di frutti di mare, pesce e ortaggi: il responso atteso a giorni
3 maggio 2008
Giacomo Rizzo
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

Morti Bianche: industria e servizi i settori più a rischio, Bari e Taranto le province più colpite Sono 7 gli indagati coinvolti nell'inchiesta sull'incidente del 18 aprile 2006 costato la vita ad Antonio Mingolla, 47enne di Mesagne, dipendente dell’azienda Cmt (Costruzioni metalliche tubolari), investito da una nube tossica mentre era mpegnato assieme ad altri suoi tre colleghi nella sostituzione di una valvola alla rete gas «Afo» in prossimità della centrale elettrica Cet1, all'interno dello stabilimenti siderurgico Ilva. Il pubblico ministero Italo Pesiri ha chiuso le indagini, ipotizzando il reato di concorso in omicidio colposo.

All'Ilva, intanto, sono rimati ustionati 4 operai la mattina del primo maggio durante la fase di colata dell'acciaio. L'incidente è avvenuto nel reparto Colata 1. Forse per una reazione chimica (ma non è escluso che un crostone sia staccato dalla siviera, cadendo nell’acciaio ad altissima temperatura), schizzi di liquido incandescente si sono riversati sui quattro lavoratori, il più grave dei quali guarirà in 15 giorni. Stamattina alle 7 si conclude lo sciopero di 36 ore indetto dai Fim, Fiom e Uilm nel
reparto in cui si è verificato l'incidente.

Gli avvisi di garanzia per la morte di Antonio Mingolla sono stati notificati a Canzio Bueloni, amministratore della ditta Cmt; Giorgio Arvigo, responsabile dell'unità operativa tarantina della ditta dell'appalto; Anfredo De Lucreziis, tecnico dell'area energia manutenzione meccanica dell'Ilva; Antonio Assennato, capo cantiere della ditta Cmt; Piero Mantovani, titolare della ditta Smi, subappaltatrice della Cmt; Angelo Lalinga, responsabile produzione, distribuzione e trattamento acque, soffiaggio vapore, aria e gas dell'Ilva; e Mario Abbattista, capo reparto di energia e vapore dell'acciaieria.

Secondo l'accusa, la ditta Cmt avrebbe predisposto un piano per la sicurezza generico «senza che a monte ci fosse una valutazione dei rischi effettivamente connessi all'attività lavorativa e alla specifica definizione delle modalità operative più idonee''. Inoltre, nel piano in questione "non vi è traccia dello stretto coinvolgimento dei lavoratori in un efficace processo conoscitivo dei rischi ai quali andavano esposti».

Diossina, la ricerca si allarga

Dopo il latte, i formaggi, le carni, l’acqua di falda dei pozzi, il suolo, le olive e l’olio d’oliva, ora è la volta dei mitili, del pesce locale e dei vegetali. Ultime fasi della campagna di monitoraggio di diossina e pcb (policlorobifenili) dopo l’allarme lanciato dagli ambientalisti relativo alla presenza di diossina in un campione di formaggio fresco acquistato da un contadino. Campioni di pesce locale pescato nel golfo di Taranto e di mitili dagli allevamenti di mar Piccolo e di mar Grande sono stati prelevati un paio di giorni fa ed inviati al laboratorio del consorzio interuniversitario Inca di Lecce.

Qualche giorno prima erano stati prelevati dalle campagne confinanti con la zona industriale anche campioni di matrici alimentari, in particolare bietole, fave e arance. Produzione agricola, quindi, sotto controllo da parte dell’Asl jonica, così come deciso al tavolo tecnico regionale. Si prolunga, intanto, l'attesa per l’esito degli esami su campioni di carni, tessuti ed organi prelevati oltre un paio di settimane fa su circa una quarantina di capre e pecore delle greggi di proprietà delle aziende zootecniche anch’esse confinanti con la zona industriale tarantina e che è stato necessario abbattere per procedere alle analisi. I risultati di queste ultime sono attesi dall’Istituto zooprofilattico di Teramo dove i campioni sono stati inviati e dove contemporaneamente confluiscono campioni alimentari anche dalla Campania, altra zona sotto monitoraggio.

C'è attesa per le analisi sugli animali perché nel frattempo le aziende proprietarie sono sotto fermo sanitario. Si tratta di aziende da cui sono stati inizialmente prelevati campioni di latte e formaggio (non destinati alla commercializzazione) e che hanno dato esito positivo, per la diossina o per i Pcb, o per entrambe le sostanze. Negativo, invece, il risultato sul secondo campione di acqua prelevato dallo stesso pozzo da cui un primo campione aveva dato esitopositivo alla diossina e stranamente non anche ai pcb, come sarebbe stato da attendersi. La contemporanea assenza di qualsiasi sostanza nell’acqua di altri tre pozzi nelle immediate vicinanze aveva destato sospetti ed il dubbio che potessero esserci state infiltrazioni di acqua piovana, caduta copiosamente nelle giornate precedenti al prelievo.

Il pozzo interessato all’indagine - la cui acqua veniva utilizzata per fini irrigui e domestici - era stato dissequestrato già nei giorni scorsi dopo le seconde analisi di smentita. Quanto, invece, alle carni, si ricorderà che ci sono stati in precedenza, praticamente quasi all’avvio della campagna di monitoraggio, solo alcuni prelievi effettuati su una pecora deceduta nell’ambito del gregge di un’azienda sotto osservazione. Anche in questo caso, l’esito delle analisi era stato positivo.

In una fase intermedia del monitoraggio, sono finite sotto osservazione anche le olive coltivate nella zona, e rintracciata l’azienda presso cui questa produzione era stata destinata, anche l’olio prodotto. In questo caso, fortunatamente, non è stata accertata la presenza di sostanze nocive. Ora sotto osservazioni sono finite cozze, pesce, arance e vegetali come bietole e fave.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)