Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«Si faccia luce su pet coke ed esaclorobenzene a Taranto»

La notizia del sequestro di circa 16.000 tonnellate di pet-coke da parte dei Carabinieri del NOE all'interno dello stabilimento siderurgico di Taranto mette in discussione ancora una volta l'interminabile confronto fra industria e le istituzioni. Chiediamo che sia fatta luce su un eventuale uso di coke anche alla Cementir e che sia avviato uno screening degli inquinanti contenuti nello petcoke
10 giugno 2008
Stefano De Pace (Associazione TarantoViva)
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- La notizia del sequestro di circa 16.000 tonnellate di pet-coke da parte dei Carabinieri del NOE di Lecce all'interno dello stabilimento siderurgico di Taranto mette in discussione ancora una volta l'interminabile confronto fra industria e le istituzioni.

Nel Novembre 2007 il Sindaco Ezio Stefàno aveva lanciato l'allarme in una missiva all'Arpa Puglia sollevando il problema della movimentazione del Pet-coke, una sostanza contenente cancerogeni come IPA e metalli pesanti.

Parallelamente la magistratura aveva fatto scattatare un'inchiesta, grazie ai carabinieri del Noe e all'Agenzia dogane. Le contestazioni della magistratura partirono da un'indagine fiscale: circa seimila tonnellate di Pet coke, stoccate nell'Italcave, furono sequestrate per presunte irregolarità.

Nel Gennaio 2008 ancora un sequestro di pet coke. I sigilli scattarono per una montagna di carbone, del peso complessivo di 7.000 tonnellate, al molo polisettoriale di Taranto. Il provvedimento della Procura scattò per la presenza di alcune sostanze superiore ai limiti consentiti dalla legge. Ma il primo sequestro risale al maggio del 2006, nel quale fu adottato lo stesso provvedimento con contestazioni analoghe. In quel caso, il pm Antonella Montanaro dispose il sequestro contestando duramente lo sversamento in mare e la diffusione nell'atmosfera di polveri sottili inquinanti provenienti proprio dalle montagne di carbone.

Lo scorso Febbraio in un'intervista il Sindaco dichiarò "Per l'Ilva stiamo lavorando in maniera alacre. Del resto sono stato l'unico ad aver parlato del pet coke che è mille volte più inquinante". Eppure fino ad allora nessuno aveva immaginato che il pet-coke fosse destinato alla miscelazione con carbone fossile per la produzione di coke siderurgico. Ne tantomeno dalla documentazione AIA si evince l'utilizzo del pet-coke nel processo produttivo dello stabilimento di Taranto.

Chiediamo al Sindaco Stefàno che nel l'AIA rientri anche l'inquinamento da pet-coke per i vari agenti inquinanti emessi ad esempio nel processo produttivo del ciclo siderurgico dovuto alla materia prima scadente e contenente tracce di zolfo superiore del 6% rispetto al limite consentito dalle disposizioni legislative.

Sapendo che il Pet Coke è stato il carburante usato nell'industria del cemento in Sicilia e che questo ha determinato interventi sanzionatori della Magistratura, chiediamo che sia fatta luce su un eventuale uso di Pet Coke anche alla Cementir di Taranto.

Come Associazione di cittadini auspichiamo che sia avanzata l'istanza di chiarire se l'Esaclorobenzene che è stato riscontrato in alta concentrazione nel sangue di un ristretto gruppo di tarantini dall'indagine D.U.T., al pari delle alte concentrazioni di Idrocarburi policiclici aromatici riscontrate dall'ARPA Puglia nella recente campagna di campionamento ambientale, anche in aree lontane dal polo industriale, quali Talsano, possano avere attinenza con l'uso di combustibili quali il Pet Coke ed in caso contario quale sia la fonte di questi inquinanti organici.

Chiediamo inoltre che il Sindaco si faccia portavoce delle nostre istanze e avvii un monitoraggio dell'impatto degli inquinanti contenuti nel pet coke sulla salute dei lavoratori del molo polisettoriale, per verificare la presenza degli inquinanti più pericolosi nel loro organismo (es. benzopirene, nichel, cromo e vanadio).

Articoli correlati

  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia
    Ecologia
    Il Rapporto ONU sull'inquinamento in Italia

    Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia

    Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite ha visitato l'Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021. Il Rapporto tocca Porto Marghera, l'inquinamento da PFAS in Veneto, la terra dei Fuochi, l'ILVA di Taranto, Livorno, i pesticidi, i rifiuti e altro ancora.
    14 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)