Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Dieci cose che so sulla Violenza
    Riflessioni sugli scontri di Roma

    Dieci cose che so sulla Violenza

    La vera lotta da combattere non è solo la lotta collettiva contro le strutture violente di potere organizzato, ma anche la lotta individuale contro la tentazione del potere in tutte le sue forme.
    16 ottobre 2011 - Carlo Gubitosa
  • Baia storica del Golfo di Taranto: trivellazioni a cinque miglia dalla costa?
    Il Codice dell'Ambiente limita le trivellazioni per la ricerca di idrocarburi, ma una norma cambia alcune regole...

    Baia storica del Golfo di Taranto: trivellazioni a cinque miglia dalla costa?

    Non c'è stata nessuna delega del Parlamento, e non si spiega l'inserimento di un comma nella normativa che punisce i reati ambientali e gli scarichi inquinanti delle navi (che attua due direttive europee)
    27 luglio 2011 - Lidia Giannotti
  • Dalla Foresta Amazzonica al quartiere Tamburi di Taranto, il lungo viaggio della polvere rossa
    Padre Dario Bossi nella campagna internazionale evidenzia il nesso fra sfruttamento minerario e disboscamento

    Dalla Foresta Amazzonica al quartiere Tamburi di Taranto, il lungo viaggio della polvere rossa

    La polvere rossa che si poggia sul quartiere Tamburi è la stessa polvere rossa che causa proteste in Brasile. La Vale è attualmente al centro di una campagna di contestazione internazionale coordinata dai missionari comboniani brasiliani che difendono la foresta Amazzonica e le popolazioni locali.
    16 luglio 2011 - Alessandro Marescotti
  • L'inquinamento? E' tutta una balla
    Accade in queste ore. Il foraggio potrebbe arrivare in varie regioni italiane

    L'inquinamento? E' tutta una balla

    Raccolgono il foraggio vicino all'Ilva e all'inceneritore di Taranto. Attorno all'area industriale le pecore continuano a pascolare. Ecco le balle che tutti possono vedere. Gli animali che potrebbero mangiare inquinanti cancerogeni. Sulle tavole arriverà carne, latte e formaggio.
    18 giugno 2011 - Associazione PeaceLink
La nuova mappa delle basi e dei comandi militari dietro i colloqui di Roma

"Caro Silvio, avrei bisogno di Napoli, Taranto, Milano, e anche...".

La storia è nei dettagli. Quando Bush è andato dal Papa ha lasciato fuori dalla sala la valigetta nera con i codici di lancio dei missili nucleari. Ma vi sono anche altri dettagli che Bush a Roma non ha rivelato ai giornalisti. Le forze Usa stanno traslocando dal Nord Europa e il baricentro del potere navale della Us Navy sarà spostato in Italia. Il Quartier generale di Londra - che comanda tutte le forze navali Usa in Europa - migrerà a Napoli. Il Comando della Sesta Flotta sorgerà a Taranto. La nuova "autostrada" militare Usa che passa per Milano-Solbiate Olona, Livorno-Camp Darby, Catania-Sigonella. E prevede l'ampliamento della micidiale base nucleare della Maddalena. Dietro i fumogeni della cronaca e la spettacolarità ecco i "dettagli" della visita di Bush.
5 giugno 2004 - Alessandro Marescotti

Bush è venuto da Berlusconi non solo per l'Iraq ma anche per le basi Nato e Usa in Italia. E' questo il dato che non dovrebbe sfuggire al movimento pacifista.

Il comando navale europeo Usa di Londra è ormai fuori gioco rispetto alle nuove guerre. Le truppe americane in Germania sono un soprammobile. Occorre spostare tutto. Ma dove?

Le basi spagnole sono un'incognita con Zapatero, nessuna base turca ha (come Taranto) la certificazione Nato HRF per l'alta prontezza d'uso delle forze navali Usa. E allora che fare? Bush va da Berlusconi e, dietro i fumogeni della cronaca e della spettacolarità, chiede di potenziare i punti nevralgici della logistica militare Usa in Italia.
Berlusconi e Bush

E' questo il retroscena della visita di Bush a Roma, con il suo staff di esperti e uomini in uniforme. Al centro c'è la nuova mappa militare Usa a Napoli, Taranto, Milano-Solbiate Olona, La Maddalena, Livorno-Camp Darby, Catania-Sigonella.

Bush ha chiesto nuovamente a Berlusconi carta bianca per ridislocare a proprio piacimento comandi militari, navi, uomini e armi Usa in Italia: ha chiesto di realizzare una più rapida rete logistica militare. L'Italia non è più trincea della guerra di posizione contro l'Est con tante piccole basi disseminate nella Penisola.

L'Italia diventa punto di passaggio e "autostrada militare" con superbasi veloci per la guerra di movimento amaricana.

Nessuna informazione è ufficialmente trapelata - il Parlamento italiano sarà l'ultimo a sapere cosa gli Usa faranno in Italia - ma si registrano interessanti novità.

Le informazioni più recenti sono quelle pubblicate dal New York Times che rivela un progetto rimasto fino ad ora segreto: il comando europeo della Us Navy potrebbe trasferirsi da Londra a Napoli.

Per saperne di più su questa novità clamorosa occorre cliccare su:

http://www.paginedidifesa.it/2004/zuccotti_040605.html

http://www.panorama.it/europa/capitali/articolo/ix1-A020001024944

http://www.agi.it/news.pl?doc=200406041119-1036-RT1-CRO-0-NF60&page=0&id=agionline.dalmondo

http://www.giornale.it/folder/news5Giu200484324.shtml

http://www.raulken.it/article2593.html

Alle ore 8.57 del 5 giugno 2004 l'esperto di questioni militari e strategiche Enrico Iacchia ha anche lui confermato a Radiotre (per informazioni: grr@rai.it ) che in questi giorni - in cui l'attenzione focalizzata sulla guerra in Iraq e sulla visita di Bush a Roma - è passato in secondo piano il progetto del Pentagono di ridislocare le sue forze in Europa, ritirando massicciamente i militari Usa dalla Germania e intendendo trasferire il comando navale europeo Usa da Londra - "ormai fuori mano", ha argomentato Iacchia - a Napoli, ossia più a sud.

Attualmente il comando navale Usa per l'Europa è a Londra. "Gli Stati Uniti avrebbero voluto spostarlo in Spagna, ma con Zapatero sono sorti dei problemi. E allora probabilmente andrà in Italia, forse a Napoli", ha concluso Iacchia.

L’intero comando europeo della Us Navy è composto da almeno 1500 uomini e - dalla seconda guerra mondiale ad oggi - ha avuto il suo perno operativo nella palazzina vittoriana in North Audley Street a Londra a Napoli. In quel comando sono stati pensati i piani di guerra contro la flotta sovietica: fino agli anni Novanta il centro nevralgico della flotta americana in Europa erano le acque profonde a nord della Gran Gretagna, era la calotta polare artica dove si andavano a nascondere i sottomarini nucleari. Era un confronto torbido fatto di testate nucleari pronte per il lancio da abissi gelidi.

Ora il baricentro operativo si sposta a sud in mari più caldi, nel Mediterraneo.
Pizza, mandolino, Vesuvio, cozze e propulsori nucleari.
L'Italia si appresta ad un potenziamento della presenza americana in alcuni punti strategici. Nuovi accordi, accordi da perfezionare, accordi da ratificare. Con il via libera dei due Presidenti sono ora lì quelle carte, sui tavoli che decidono il potenziamento del dispositivo militare Usa a Napoli e a Taranto.

Al centro ora c'è - in simbiosi con il ridislocamento strategico da Londra a Napoli del comando di tutte le forze navali Usa nei mari che bagnano l'Europa - il ruolo della più grande base navale della Nato nel Mediterraneo, cioè Taranto.

Quando a febbraio abbiamo - documenti alla mano - parlato di trasferimento del comando della VI Flotta Usa da Gaeta a Taranto, pensavamo ad un "alleggerimento di Napoli", come se Napoli e Gaeta "andassero in pensione". E invece sembra che le cose si dirigano verso esiti che non avevamo previsto: da una prospettiva di ridislocamento a sud delle forze esistenti in Italia si passa ad uno spostamento complessivo verso l'Italia del baricentro militare navale americano.

Lo spostamento da Napoli-Gaeta verso Taranto in realtà fa posto ad un corposo spostamento dal comando di Londra verso il Sud dell'Italia.

E veniamo alle ripercussioni sulla base di Taranto, da poco diventata Nato con certificazione di alta prontezza d'uso HRF (che nessuna base turca ha).

A Taranto Bush vorrebbe un'altra base. Gli industriali di Taranto hanno già detto di sì alla "superbase" sulle pagine del giornale "La Voce del Popolo".

La nuova base Usa a Taranto dovrebbe sorgere nella zona del porto commerciale, a cinque chilometri di distanza dalla nuovissima base Nato di Chiapparo che fra poche settimane sarà inaugurata (si dice alla presenza di Ciampi). Gli Usa vorrebbero gestire un'ampia banchina di attracco acquisendone - tramite una banca americana - la dispobibilità. La zona è quella del molo polisettoriale e lì la maggiore profondità non comporta problemi per le portaerei. Già le ultime tre navi americane giunte in occasioni diverse a Taranto nel 2004 hanno attraccato in quella zona del porto commerciale e non nella nuova base Nato di Chiapparo.
La nuova base che Bush vorrebbe a Taranto è anche più lontana dalla vista di occhi indiscreti. Non potrebbe essere osservata dal lungomare o da palazzi vicini con il binocolo come è invece comodamente possibile per la base Nato di Chiapparo.

La nuova base desiderata da Bush presenterebbe quindi condizioni di maggiore segretezza e sicurezza per le navi Usa. E avrebbe più spazio rispetto a Chiapparo.

Questo rafforza l'idea che tutte le componenti operative (le navi della VI Flotta) presenti a Napoli e Gaeta vadano a Taranto. A Napoli verrebbe traslocato il comando navale Nato di Londra che si unificherebbe con l'HQ Allied Naval Forces Southern Europe già esistente nella città del Vesuvio.

Della strategia di potenziamento delle basi Usa in Italia ne aveva già parlato Ennio Caretto sul Corriere della Sera del 27 novembre 2003 con un pezzo titolato "Bush riorganizza le Forze Usa in Europa. Sarà dato più peso alle basi nella Penisola". Sottotitolo: "Forse un comando dei reparti speciali e una struttura di intelligence".
Scriveva Caretto che gli Stati Uniti intendono riposizionare le proprie truppe ritirando parte delle forze dislocate in Germania e precisava: "Non è prevista la richiesta di nuove basi in Italia, ma alcune infrastrutture militari Usa esistenti nel nostro Paese saranno potenziate. E al Pentagono si discute se creare nuovi centri di comando regionali, tra cui uno italiano, per intelligence e corpi speciali".
E dalla Casa Bianca confermavano: "Da oggi gli Usa terranno intense consultazioni con amici, alleati e partner di tutto il mondo per porre le forze necessarie nei luoghi più appropriati in risposta alle nuove esigenze di sicurezza. Missioni ad alto livello si recheranno nelle capitali straniere". Tra la fine di novembre e la prima settimana di dicembre del 2004 vi sono state apposite riunioni dei ministri di Difesa ed Esteri alla Nato a Bruxelles. "Vogliamo sentire le loro idee - ha detto il capo del Pentagono, Donald Rumsfeld - vedere insieme che cosa si può fare".
Oltre a Napoli e a Taranto, altro punto nodale è Livorno dove un accordo tra governo italiano e governo Usa sancisce il raddoppio del canale di Camp Darby, per dimezzare i tempi di carico delle navi. Altro punto nevralgico è La Maddalena dove è previsto un ampliamento della base dei sommergibili nucleari di Santo Stefano, impiegati anche per l'intelligence. Accordo di potenziamento anche per le strutture di Catania-Sigonella. L'obiettivo è quello di consentire la maggiore mobilità possibile alle truppe e ai mezzi, organizzando in qualsiasi momento ponti aerei verso il Medio Oriente. Il questo quadro il nuovo comando Nato di Solbiate Olona, a pochi chilometri da Milano e dall'aeroporto di Malpensa, sarà un punto nevralgico per le future mobilitazioni di rapido intervento delle truppe di terra Usa.

Ennio Caretto pecisava sul Corriere della Sera: "L'amministrazione Bush mantiene il massimo riserbo sui dettagli del piano di riposizionamento". E questo ci spiega come mai a Roma a nessun giornalista è stata rivelata la parte più delicata e riservata della missione dello staff di Bush.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy