Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

Domenica 6 dicembre 2015 a Monteleone di Puglia (FG) Convegno nazionale sul tema La guerra é follia!

La guerra è follia! Vogliamo la pace

Il movimento in favore della pace deve nascere, come è accaduto in passato, da un sentimento laico condiviso di valori e di credi in cui si rispecchia il pacifismo, l'azione nonviolenta, in una presa di coscienza e di posizione collettiva, ma soprattutto a partire da ogni singolo individuo.
19 novembre 2015 - Laura Tussi

La guerra è follia!

La guerra è follia! Vogliamo la pace

di Laura Tussi

Qualsiasi guerra è un crimine contro l'umanità e devono cessare le guerre imperialiste in Libia, in Afganistan, in Siria e in ogni altra realtà del pianeta. L'umanità necessita della smilitarizzazione dei conflitti, del disarmo, della pace ed è necessaria l'accoglienza e l'assistenza di tutti i profughi e i migranti, vittime della guerra. Auspichiamo un movimento di protesta dei popoli contro la barbarie per contestare, con l'affissione delle bandiere di pace e con manifestazioni nonviolente, tutte le guerre, sia civili sia le cosiddette guerre ipocritamente definite umanitarie o di legittima difesa.

Il movimento in favore della pace deve nascere, come è accaduto in passato, da un sentimento laico condiviso di valori e di credi in cui si rispecchia il pacifismo, l'azione nonviolenta, in una presa di coscienza e di posizione collettiva, ma soprattutto a partire da ogni singolo individuo. L’idea di Pace deve investire la coscienza di ognuno di noi, di ogni essere umano, donne e uomini, in quanto attori e costruttori nel quotidiano e nel presente di contesti di dialogo.

Il valore del sentimento globale e mondiale di pace consiste, in primis, nell’osservare e constatare che ogni soggetto singolo, ogni individuo è ontologicamente promotore di pace, in quanto essere pensante e comunicativo e raziocinante: la pace negli affetti, il confronto costruttivo nelle relazioni, l’interscambio positivo negli ambiti di lavoro, nelle istituzioni, nella scuola…insomma nell’attualità del vivere ordinario, quotidiano, di ogni giorno. Passo per passo, momento per momento, ogni persona per la pace diviene creatrice di accordo e conciliazione, fautrice di bene e portatrice intrinseca di valore. Un valore universale e umano che viene calpestato dalle prepotenti decisioni governative, dettate dalle più bieche ragioni di stato di qualche “presidente di governo”, sospinto da volontà estremamente nazionaliste, da manovre imperialiste miranti a conservare, in una logica schiacciante e capitalistica, il potere sul mondo.

Il “Dio petrolio” funge da pretesto per queste manovre belliche di menti votate alla follia, ottenebrate dall’arrivismo più esasperato, a scapito delle vite umane e della dignità dell’umanità.

Abbiamo assistito a bombardamenti e evoluzioni belliche, a atti terroristici, meglio considerabili come messe in scena di conflitto tra i grandi della terra, che alla fine si spartiscono “il bottino”, dietro occulte connivenze, a scapito del popolo sottomesso, senza considerazione per il valore dell’umanità e per l’integrità della stessa.

L’età contemporanea, l’era planetaria attuale, esige la risoluzione di esigenze e problematiche ben più pressanti delle guerre, che non coincidono con politiche distruttive ed omicide antiumanitarie, o con lo sterminio e sottomissione di un nemico considerato negativo ed inferiore perché “altro” e “diverso” dal modello di un Occidente supposto emancipato,e presunto essere aperto al progresso.

Le questioni pressanti da risolvere e i gravi problemi planetari sono ben altri rispetto alle spietate logiche belliche vendicative, intrise di orgoglio e superbia nazionalista: dalla grave situazione di degrado ambientale del pianeta, alla ricerca di energie alternative, alla risoluzione della fame nel mondo. La globalizzazione economica viene perseguita a tutti i costi, anche con mezzi illegittimi, ma possiede una crepa incolmabile: la crescita della coscienza dell’umanità intera.

La pace è condivisione di idee, di valori, di opinioni con il fratello, amico e compagno è confronto e costruzione di progetti e speranze, di gioie e dolori, di successi e delusioni, è portare gli uni il peso degli “altri” tramite la tenerezza della dedizione, del dono. La pace è futuro e sarà promotore ed attore di pace chi gioiosamente raggiungerà la meta della condivisione di ogni alterità e diversità nell’altro da noi. Non costruiremo pace se non siamo in grado di trovarci ricchi e importanti gli uni per gli altri, nelle nostre reciproche e imprescindibili differenze.

 

Domenica 6 dicembre 2015 a Monteleone di Puglia ( FG)

 

Convegno nazionale sul tema La guerra é follia !

 

 Ore 10  Saluto delle autorità ai partecipanti.  Interviene il sindaco Giovanni Campese

Recital di poesie e canzoni sulla pace, cerimonia di inaugurazione della lapide al monumento ai caduti della I Guerra mondiale che riporta le affermazioni di Papa Francesco:

La guerra è follia!

Per tutti i caduti della "inutile strage",

per tutte le vittime della follia della guerra.

Mai più guerre!

Da ogni terra si levi un’unica voce:

 no alla guerra e alla violenza e sì al dialogo e alla pace.

 

 

Inaugurazione della mostra curata dal prof. Francesco Pugliese: Abbasso la guerra!

allestita presso il salone dell'edificio strategico.

 

 ore 10,30  presso l'auditorium dell'edificio strategico inizio del Convegno

 

La grande menzogna della prima guerra mondiale,

relatori:

Sergio Tanzarella, docente di storia della chiesa e del cristianesimo presso la facoltà teologica dell'Italia meridionale

Luca Kocci, giornalista, redattore dell'agenzia di informazioni "Adista"

Vito Antonio Leuzzi, presidente dell'Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea

Introduce e modera il dibattito Rocco Altieri, già docente di sociologia dei conflitti e teoria della nonviolenza presso l'Università di Pisa.

 

Ore 13 pausa pranzo

 

ore 15  Saluto delle autorità ai partecipanti. Interviene il vice-sindaco Pasquale Rigillo

 

Costruire la pace attraverso l'educazione: proposte e iniziative

relatori:

Raffaello Saffioti, presidente dell'Associazione Florense per lo Sviluppo Creativo

 Eugenio Scardaccione, dirigente scolastico, fondatore del G.E.P.(Gruppo educhiamoci alla Pace)

 Giovanni Sarubbi, direttore del giornale on-line “Il Dialogo”

Piero Piraccini, Tavola della pace

Introduce e modera il dibattito Rodrigo Addorisio, medico e storico locale.

 

 

Ai docenti e agli studenti verrà rilasciato un certificato di partecipazione valutabile come corso di aggionamento o come credito scolastico.

 

*******

 

Delibera del Consiglio comunale di Monteleone di Puglia (FG)

 

 

Il Consiglio comunale di Monteleone di Puglia (FG)

riunitosi in seduta solenne il giorno 30 ottobre 2015 alle ore 17

nella sala consiliare del Municipio

 

 

accogliendo gli accorati appelli di Papa Francesco per la pace nel mondo

da costruire attraverso il rifiuto della minaccia, della vendetta e dell'odio,

scegliendo invece la strada maestra del disarmo, del dialogo e della composizione nonviolenta dei conflitti,

 

riprendendo l'omelia di Papa Francesco a Redipuglia, il 13 settembre 2014, in occasione della commemorazione delle vittime della I guerra mondiale, dove il Santo Pontefice ha tra l'altro affermato: “Mentre Dio porta avanti la sua creazione, e noi uomini siamo chiamati a collaborare alla sua opera, la guerra distrugge. Distrugge anche ciò che Dio ha creato di più bello: l'essere umano. La guerra stravolge tutto, anche il legame tra i fratelli. La guerra è folle, il suo piano di sviluppo è la distruzione: volersi sviluppare mediante la distruzione!

… Per tutti i caduti della "inutile strage", per tutte le vittime della follia della guerra, in ogni tempo, il pianto”.

 

delibera all'unanimità che:

 

nel centenario dell'intervento dell'Italia nella prima guerra mondiale che il papa Benedetto XV bollò come “inutile strage”

 

1) sia collocata ai piedi del locale monumento ai caduti una lapide con sopra iscritto il monito:

 

 

La guerra è follia!

Per tutti i caduti della "inutile strage",

per tutte le vittime della follia della guerra”.

Mai più guerre!

Da ogni terra si levi un’unica voce:

 no alla guerra e alla violenza e sì al dialogo e alla pace.

 

                                                        Papa Francesco

 

 

 

Inoltre, ispirati dall'articolo 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani che afferma :

 

Education shall be directed toward the full development of the human “personality and to the strengthening of respect for human rights and ” fundamental freedoms. It shall promote understanding, tolerance and friendship among all nations, racial or religious groups and shall further the activities of the United Nations for the maintenance of peace.

 

L'educazione deve essere indirizzata verso il pieno sviluppo della persona umana ed il rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Essa deve promuovere la comprensione, la tolleranza, l'amicizia fra tutte le Nazioni, i gruppi razziali e religiosi e deve favorire l'opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace”.

 

Il consiglio comunale decide, altresì, che venga istituito presso il Comune di Monteleone di Puglia un Centro di educazione alla pace, colla finalità di studiare e promuovere la cultura della nonviolenza nella gestione dei conflitti interpersonali, sociali e internazionali.

 

Per la realizzazione di tale progetto il consiglio decide:

 

di avvalersi della consulenza scientifica del Centro Gandhi ONLUS per la formulazione dei programmi e per l'organizzazione di una scuola estiva (summer school) avente cadenza annuale

 

di chiedere per tale progetto la partnership dell'UNESCO,  il cui preambolo dellAtto Costitutivo afferma: since wars begin in the minds of men, it is in the minds of men that the defences of peace must be constructed, (poiché le guerre nascono nella mente degli uomini, è nella mente degli uomini che devono esere costruite le difese della pace).

Note:

su PRESSENZA - International Press Agency:
http://www.pressenza.com/it/2015/11/la-guerra-e-follia-vogliamo-la-pace/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)