Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

PeaceLink su TeleAmbiente per il Giorno della Memoria

Laura Tussi27 gennaio 2016

PeaceLink su TeleAmbiente

Laura Tussi - PeaceLink su TeleAmbiente per il Giorno della Memoria

https://www.youtube.com/watch?v=HFh7InqGVaA

********

La memoria e la verità storica sono le uniche forze che possono opporsi agli orrori e agli errori degli uomini per evitarne la ripetizione.

Occuparsi di memoria storica del nazifascismo e praticare Antifascismo significa considerare i soprusi, le ingiustizie, la condizione di chi si trova nel bisogno, nell'indigenza, di chi vive le difficoltà e le ingiustizie sociali. Attualmente occuparsi di memoria storica del nazifascismo significa tutelare i diritti umani degli oppressi, dei diversi, degli emarginati, degli umili, degli sfruttati, dei più deboli di cui tutti siamo parte nel tessuto sociale, comunitario e nel mondo, nel terribile deserto della sopraffazione e della violenza, dove tante voci chiedono giustizia per tutti quegli innocenti che ancora nascono solo per morire.

A Magenta il programma per celebrare la Memoria è finalizzato a raccontare, attraverso diverse modalità comunicative, accadimenti documentati, testimonianze, racconti e atmosfere, gli eventi che hanno segnato la Storia, per ripercorrere il passato e per affermare il Dovere etico della Memoria Storica per un futuro di Pace...

 

Le Amministrazioni comunali di Nova Milanese e Bolzano raccolgono da anni le memorie dei Lager.

Oltre 220 videotestimonianze di ex deportati civili per motivazioni politiche compongono l'importante Archivio Storico, che ha collaborato anche con la RAI per la realizzazione di trasmissioni televisive inerenti la deportazione politica.

Oggi le amministrazioni rendono pubbliche 4 nuove videotestimonianze fruibili sui siti: 

http://www.lageredeportazione.org/ 

https://www.youtube.com/archiviostoriconovamilanese 

 

Vanes De Maria

Nato a Casalecchio di Reno il 7.9.1921 

Intervista del: 14 ottobre 2004 a Bologna

TDL: n. 202 – durata: 66’ circa

Arresto: ottobre/novembre 1943. Isola di Lussino (Jugoslavia)

Carcerazione: a Pola (Jugoslavia)

Deportazione: Dachau

Liberazione: 29 aprile 1945

 

ITALA TEA PALMAN

Nata a Trichiana (Belluno) il 16.4.1922 

Intervista del: 10 agosto 2000 a Belluno

TDL: n. 128 – durata: 64’ circa

Arresto: 11.11.1944 a Belluno, a casa

Carcerazione: carcere di Belluno

Deportazione: Bolzano

Liberazione: 3 maggio 1945

 

NOEMI PIANEGONDA

Nata a Valli del Pasubio il 30.11.1930 

Intervista del: 17 novembre 2001 a Bolzano

TDL: n. 134 – durata: 63’ circa

Arresto: 21/22.11.1944 a Schio, a Collegio delle Canossiane

Carcerazione: 30.11.44 carcere di Rovereto (villa Maffei)

Deportazione: Bolzano

Liberazione: 3 maggio 1945

 

Angelo Signorelli

Nato a Grumello del Monte (BG) il 17.08.1926 

Intervista del: gennaio 1998 a Nova Milanese (MI)

TDL: n. 153 – durata: 139’ circa

Arresto: 11.03.1944 a Monza, a casa

Carcerazione: a Monza alla caserma dei Carabinieri, a Milano a San Vittore, a Bergamo in una caserma

Deportazione: Mauthausen, Gusen

Liberazione: 5 maggio 1945 

Nova Milanese e Bolzano - Siti istituzionali:

http://www.lageredeportazione.org/

https://www.youtube.com/archiviostoriconovamilanese

Articoli correlati

  • Il femminile è creatività universale
    Pace
    Il potere è l’ombra oscura opposta all’amore universale e al femminile

    Il femminile è creatività universale

    Nella cittadinanza globale, le donne costituiscono la parte più fragile, ma attiva, dei tanti sud del mondo, dove vi è un pensiero al femminile con la coscienza planetaria della terrestrità umana e della solidarietà universale
    4 giugno 2020 - Laura Tussi
  • 2 Giugno: la Repubblica è viva!
    Pace
    Per la prima volta le donne sono chiamate alle urne

    2 Giugno: la Repubblica è viva!

    Il 2 giugno 1946 gli Italiani, usciti da uno dei peggiori periodi storici, il fascismo, il nazismo e la seconda guerra mondiale, si trovarono a decidere se mantenere una forma di stato monarchico o se diventare una Repubblica 
    1 giugno 2020 - Laura Tussi
  • "Le prigioni libiche finanziate da Italia e Ue sono luoghi di tortura"
    Migranti
    Lo dichiara il quotidiano cattolico Avvenire

    "Le prigioni libiche finanziate da Italia e Ue sono luoghi di tortura"

    La guerra a Gheddafi non ha portato la democrazia e la libertà. In Libia si tortura e si violano pesantemente i diritti umani. Profughi in catene, ustionati e denutriti, aggrediti con acido, picchiati con martelli e tubi.
    31 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • L’amore per lo scrivere
    Laboratorio di scrittura
    L’umanità ama in quanto scrive

    L’amore per lo scrivere

    La scrittura è un atto d’amore per se stessi e per gli altri 
    30 maggio 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)