Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

PeaceLink su TeleAmbiente per il Giorno della Memoria

Laura Tussi27 gennaio 2016

PeaceLink su TeleAmbiente

Laura Tussi - PeaceLink su TeleAmbiente per il Giorno della Memoria

https://www.youtube.com/watch?v=HFh7InqGVaA

********

La memoria e la verità storica sono le uniche forze che possono opporsi agli orrori e agli errori degli uomini per evitarne la ripetizione.

Occuparsi di memoria storica del nazifascismo e praticare Antifascismo significa considerare i soprusi, le ingiustizie, la condizione di chi si trova nel bisogno, nell'indigenza, di chi vive le difficoltà e le ingiustizie sociali. Attualmente occuparsi di memoria storica del nazifascismo significa tutelare i diritti umani degli oppressi, dei diversi, degli emarginati, degli umili, degli sfruttati, dei più deboli di cui tutti siamo parte nel tessuto sociale, comunitario e nel mondo, nel terribile deserto della sopraffazione e della violenza, dove tante voci chiedono giustizia per tutti quegli innocenti che ancora nascono solo per morire.

A Magenta il programma per celebrare la Memoria è finalizzato a raccontare, attraverso diverse modalità comunicative, accadimenti documentati, testimonianze, racconti e atmosfere, gli eventi che hanno segnato la Storia, per ripercorrere il passato e per affermare il Dovere etico della Memoria Storica per un futuro di Pace...

 

Le Amministrazioni comunali di Nova Milanese e Bolzano raccolgono da anni le memorie dei Lager.

Oltre 220 videotestimonianze di ex deportati civili per motivazioni politiche compongono l'importante Archivio Storico, che ha collaborato anche con la RAI per la realizzazione di trasmissioni televisive inerenti la deportazione politica.

Oggi le amministrazioni rendono pubbliche 4 nuove videotestimonianze fruibili sui siti: 

http://www.lageredeportazione.org/ 

https://www.youtube.com/archiviostoriconovamilanese 

 

Vanes De Maria

Nato a Casalecchio di Reno il 7.9.1921 

Intervista del: 14 ottobre 2004 a Bologna

TDL: n. 202 – durata: 66’ circa

Arresto: ottobre/novembre 1943. Isola di Lussino (Jugoslavia)

Carcerazione: a Pola (Jugoslavia)

Deportazione: Dachau

Liberazione: 29 aprile 1945

 

ITALA TEA PALMAN

Nata a Trichiana (Belluno) il 16.4.1922 

Intervista del: 10 agosto 2000 a Belluno

TDL: n. 128 – durata: 64’ circa

Arresto: 11.11.1944 a Belluno, a casa

Carcerazione: carcere di Belluno

Deportazione: Bolzano

Liberazione: 3 maggio 1945

 

NOEMI PIANEGONDA

Nata a Valli del Pasubio il 30.11.1930 

Intervista del: 17 novembre 2001 a Bolzano

TDL: n. 134 – durata: 63’ circa

Arresto: 21/22.11.1944 a Schio, a Collegio delle Canossiane

Carcerazione: 30.11.44 carcere di Rovereto (villa Maffei)

Deportazione: Bolzano

Liberazione: 3 maggio 1945

 

Angelo Signorelli

Nato a Grumello del Monte (BG) il 17.08.1926 

Intervista del: gennaio 1998 a Nova Milanese (MI)

TDL: n. 153 – durata: 139’ circa

Arresto: 11.03.1944 a Monza, a casa

Carcerazione: a Monza alla caserma dei Carabinieri, a Milano a San Vittore, a Bergamo in una caserma

Deportazione: Mauthausen, Gusen

Liberazione: 5 maggio 1945 

Nova Milanese e Bolzano - Siti istituzionali:

http://www.lageredeportazione.org/

https://www.youtube.com/archiviostoriconovamilanese

Articoli correlati

  • Scongiurare il conflitto in Ucraina
    Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Il diritto alla pace e al disarmo
    Disarmo
    In Italia e Germania: bombe nucleari B61-12 Nato nelle basi militari di Ghedi, Aviano e Buchel

    Il diritto alla pace e al disarmo

    Verso un coordinamento antinucleare europeo. L'obiettivo è di inserire la valutazione delle attività militari e belliche - e quindi il disarmo come soluzione al grave inquinamento da esse prodotte - negli accordi di Parigi sul clima.
    10 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)